• Mondo
  • mercoledì 15 agosto 2018

Gli abusi sessuali nella Chiesa cattolica in Pennsylvania

Un rapporto di un gran giurì diffuso martedì dice che in 70 anni la Chiesa ha insabbiato gli abusi sessuali commessi da più di 300 preti

Il procuratore generale della Pennsylvania Josh Shapiro durante la conferenza stampa sul rapporto del gran giurì sugli abusi sessuali in sei diocesi dello stato al Pennsylvania Capitol di Harrisburg,il 14 agosto 2018 (AP Photo/Matt Rourke)

In Pennsylvania, negli Stati Uniti, la Chiesa cattolica ha insabbiato abusi sessuali commessi da più di trecento preti nel corso di 70 anni, convincendo le vittime a non denunciare le molestie subite e le forze dell’ordine a non investigare in merito. È la conclusione di un rapporto di un gran giurì, una giuria chiamata a stabilire se ci fossero abbastanza prove per iniziare dei processi penali, diffuso il 14 agosto. Il rapporto riguarda sei delle otto diocesi della Pennsylvania (quelle di Allentown, Erie, Greensburg, Harrisburg, Pittsburgh e Scranton) e si basa sulle testimonianze di più di mille persone vittime di abusi, anche se si ritiene che migliaia di altre non abbiano voluto parlare delle proprie esperienze: è la più grande indagine sugli abusi sessuali nella Chiesa Cattolica mai fatta da un ente del governo federale degli Stati Uniti.

Tra gli abusi di cui parla il rapporto, lungo più di 450 pagine, c’è quello di un prete che stuprò una bambina in ospedale dopo che le erano state tolte le tonsille, quello di una persona legata e frustata e quelli di un prete a cui fu permesso di continuare a esercitare il suo ministero anche dopo aver messo incinta una ragazza e averle organizzato un aborto. Il rapporto documenta anche come ciascun prete accusato sia stato trasferito di parrocchia in parrocchia, anche al di fuori dello stato. Le indagini sono durate tre anni e hanno comportato l’analisi di 500mila documenti provenienti dagli archivi segreti delle diocesi.

Su questi e gli altri abusi descritti nel rapporto non dovrebbero iniziare processi, perché tranne che in due casi per cui sono state formulate delle accuse, sono caduti in prescrizione: le persone che subirono abusi da bambini non possono denunciare la Chiesa nei tribunali civili dopo aver compiuto 30 anni. Le cose potrebbero cambiare se la Pennsylvania cambiasse i limiti della prescrizione, sia in ambito civile che in  ambito penale, come richiesto sia dal gran giurì che dalle vittime degli abusi, dato che per molte persone ci sono voluti decenni per trovare il coraggio di parlare degli abusi subiti. In particolare il gran giurì ha chiesto l’apertura di una «finestra» temporanea per permettere alle vittime più anziane di chiedere dei risarcimenti alla Chiesa e ai propri ex abusanti. Finora la Chiesa si è opposta a richieste di questo tipo.

I due casi per cui sono attualmente in corso dei processi sono quello di John Sweeney, della diocesi di Greensburg, accusato di aver molestato un ragazzo nei primi anni Novanta, e quello di David Poulson, della diocesi di Erie, accusato di aver molestato un ragazzo per otto anni. Sweeney ha ammesso la sua colpevolezza ad agosto e sta aspettando la sentenza nei suoi confronti mentre Poulson, arrestato lo scorso maggio, deve ancora dichiarare la sua colpevolezza o la sua innocenza.

Secondo il rapporto, alcuni dei preti colpevoli di abusi furono rimossi dai loro incarichi e allontanati dalle parrocchie, mentre i prelati che li avevano protetti dalle indagini delle forze dell’ordine avrebbero mantenuto i propri ruoli e addirittura avrebbero ricevuto delle promozioni all’interno della gerarchia ecclesiastica: tra questi l’attuale arcivescovo di Washington, il cardinale Donald Wuerl. Secondo il gran giurì per anni la Chiesa della Pennsylvania ha minimizzato gli abusi usando espressioni come «contatto inappropriato» al posto di «stupro», facendo indagare sui casi di abuso dei preti non preparati a questo tipo di incarico e senza informare i fedeli delle vere ragioni per cui alcuni preti venivano trasferiti in altre diocesi. Secondo il procuratore generale Josh Shapiro, dal cui ufficio è partita l’indagine su cui si è espresso il gran giurì, ha detto che l’insabbiamento degli abusi in alcuni casi «è arrivato fino al Vaticano».

Dopo la diffusione del rapporto del gran giurì, la conferenza episcopale della Pennsylvania ha invitato alla preghiera per le vittime degli abusi e per la Chiesa, promettendo maggiore trasparenza e dicendo che le misure adottate negli ultimi anni per contrastare gli abusi sessuali hanno già reso la Chiesa più sicura. Alcuni vescovi, tra cui quello di Pittsburgh David A. Zubik, si sono tuttavia opposti alle accuse nei confronti di rappresentanti della Chiesa di aver insabbiato gli abusi.

In Pennsylvania una persona su quattro è cattolica e ci sono già state molte indagini sugli abusi nella Chiesa. Non sono invece mai state fatte delle indagini complessive sugli abusi nella Chiesa in tutti gli Stati Uniti: molte vittime di abusi hanno chiesto al governo di fare un’indagine federale, come ha fatto il governo dell’Australia, dove per quattro anni una commissione ha indagato su tutti gli abusi sessuali su minori all’interno di organizzazioni religiose e non.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.