• Mondo
  • martedì 14 agosto 2018

La Cina ha deciso che la trota salmonata è un salmone

La tv di stato aveva scoperto che i negozianti spacciavano un pesce per l'altro, il governo ha risolto il problema dicendo che va bene così

Una trota salmonata in un allevamento a Lillafured, in Ungheria (PETER KOHALMI/AFP/Getty Images)

La CAPPMA, l’ente del governo cinese che si occupa di regolare il mercato dei prodotti ittici, ha stabilito che in Cina la trota salmonata – o trota arcobaleno – potrà essere venduta come “salmone”, causando molte proteste. La decisione è stata presa dopo che a maggio i giornali avevano scoperto che gran parte del “salmone” venduto sul mercato cinese era in realtà “trota arcobaleno”: invece che intervenire sulla truffa, il governo cinese ha deciso di legittimarla allargando la definizione di quello che può essere legalmente venduto come “salmone”.

Quello che viene comunemente chiamato “salmone” è il salmo salar, o salmone dell’Atlantico: un pesce che vive prevalentemente in acqua salata e che preferisce acque fredde e temperate. Il salmo salar, per capirsi, è quello che viene allevato in Scozia, Norvegia e Canada e che compriamo abitualmente quando compriamo salmone fresco o affumicato. Quella che viene comunemente chiamata trota salmonata è invece la oncorhynchus mykiss: fa parte insieme al salmo salar della famiglia dei salmonidae, ma è un pesce diverso, che vive prevalentemente in acque dolci, è comune anche nei torrenti e laghi alpini ed è molto allevata anche in Italia per la sua facilità di adattamento.

Quando la oncorhynchus mykiss viene allevata con una dieta speciale a base di crostacei, la sua carne acquista il colore “salmone” a cui il pesce deve il suo nome comune. I due pesci, inoltre, si assomigliano molto una volta sfilettati e possono essere facilmente confusi da consumatori non particolarmente esperti. A maggio la televisione di stato cinese CCTV aveva riportato che circa un terzo di tutto il salmone venduto in Cina era in realtà trota salmonata allevata nella provincia di Qinghai. Ora la decisione della CAPPMA ha risolto il problema, stabilendo che sia la trota salmonata che il salmo salar possono essere venduti come “salmone” perché fanno entrambi parte della famiglia dei salmonidae.

La trota salmonata (sopra) e il salmo salar (sotto)/Wikimedia, Timothy Knepp, Wikimedia

La decisione della CAPPMA, scrive BBC, è stata molto criticata e presa in giro su Weibo, il più popolare social network cinese. Qualcuno ha scherzato sui problemi di identità che avranno le trote salmonate in futuro, qualcuno ha chiesto se ora i laghi potranno essere chiamati mari, visto che sono quasi la stessa cosa. L’associazione dei pescatori cinesi è comunque intervenuta per smentire le voci che circolavano circa la presunta pericolosità della trota salmonata, spiegando che viene allevata con gli stessi standard igienici del salmone.