• Sport
  • domenica 12 agosto 2018

Dove gioca quest’anno la Serie A

Come si presentano i venti impianti che ospiteranno il campionato: dal sempre presente Meazza di Milano a quello nuovo di Frosinone

Milano fotografata dalla tribuna dello stadio Giuseppe Meazza (Emilio Andreoli/Getty Images)

La Serie A inizia il 18 agosto e nella nuova stagione vedrà l’esordio dell’ultimo stadio di calcio costruito in Italia: il Benito Stirpe di Frosinone, con poco più di 16.000 posti a sedere, completamente coperto e, ad eccezione della tribuna centrale, costruito come se fosse uno stadio temporaneo, con tubi e materiali facilmente smontabili rivestiti da coperture che lo rendono più compatto alla vista. I lavori di rifacimento e completamento sono costati circa 15 milioni di euro, in parte prestati dall’Istituto per il Credito Sportivo (ICS), presieduto da Andrea Abodi, ex presidente della Serie B, che sta aiutando molte squadre a ristrutturare e costruire nuovi impianti con prestiti a lungo termine. Qui di seguito ci sono tutti i 17 stadi della Serie A 2018/19 con le modifiche subite di recente e i progetti con cui verranno ricostruiti o rimodernati:

L’ICS ha finanziato anche una parte dei lavori al Paolo Mazza di Ferrara (lo stadio della SPAL), che entro settembre cambierà completamente aspetto. Oltre a queste novità, che non sono le uniche, quest’anno in Serie A si continuerà a giocare nello stadio più vecchio del paese, il Ferraris di Genova, sede della partite di Genoa e Sampdoria, mentre il Meazza di Milano continuerà ad ospitare Milan e Inter nella prima divisione del calcio italiano come fa ininterrottamente dal 1947.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.