(Ian MacNicol/Getty Images)
  • Sport
  • giovedì 2 Agosto 2018

Iniziano gli European Championships (eh?)

Sono le mini-Olimpiadi europee, con gare di nuoto, ciclismo, canottaggio, ginnastica artistica e atletica leggera

(Ian MacNicol/Getty Images)

Giovedì inizia la prima edizione degli European Championships. Sono una novità e sono come delle mini-Olimpiadi, solo con paesi europei, di sette sport: atletica leggera, ciclismo, ginnastica, sport acquatici, canottaggio, ginnastica artistica, triathlon e golf. La competizione, che d’ora in poi si svolgerà ogni quattro anni, mette quindi insieme i campionati europei di diverse discipline, compresi gli Europei di atletica leggera, in un’unica grande competizione. Negli anni in attesa dei prossimi European Championships i campionati europei di questi sport continueranno però a svolgersi regolarmente quando non coincideranno con un’edizione degli European Championships.

Tutte le gare – da oggi fino al 12 agosto – si potranno seguire sui canali Rai e su Eurosport. Le gare di atletica leggera saranno a Berlino, tutte le altre saranno a Glasgow e in altre aree della Scozia. Alle competizioni parteciperanno circa 4.500 atleti di 52 diversi paesi.

Le prime medaglie saranno assegnate nel pomeriggio di venerdì 3 agosto, nel nuoto sincronizzato e nel ciclismo su pista. Giovedì 2 agosto ci saranno le batterie di canottaggio e le qualificazioni di ginnastica artistica e inseguimento a squadre (una delle discipline del ciclismo su pista). Il programma completo di ogni giornata si può consultare qui; una chiara guida per capire quando verranno assegnate le medaglie di ogni sport è invece qui. In tutto saranno assegnate 50 medaglie d’oro nell’atletica leggera, 72 negli sport acquatici, 30 nel ciclismo, 3 nel golf, 12 nella ginnastica, 18 nel canottaggio e 3 nel triathlon. I paesi che si pensa possano vincere il medagliere – e quindi il trofeo degli European Championships – sono Russia e Regno Unito.

Le prime gare di atletica leggera inizieranno il 6 agosto e per l’Italia potrebbe non esserci Daisy Osakue, l’atleta di getto del peso e lancio del disco aggredita a fine luglio. Giovanni Malagò, presidente del CONI, il Comitato Olimpico Nazionale Italiano, mercoledì 1 agosto ha detto: «Ho parlato oggi con Alfio Giomi, il presidente della Fidal, che mi ha detto che la partecipazione di Daisy Osakue agli Europei di atletica è fortemente a rischio. Deve fare una dose massiccia di cortisone e malgrado ci sia la possibilità dell’esenzione la quantità è troppo elevata».