Daisy Osakue (Adam Nurkiewicz/Getty Images for European Athletics)
  • Italia
  • lunedì 30 luglio 2018

L’aggressione a Daisy Osakue

A Moncalieri qualcuno ha ferito una giovane promessa dell’atletica leggera, italiana di origini nigeriane, tirandole un uovo in faccia

Daisy Osakue (Adam Nurkiewicz/Getty Images for European Athletics)

Nella notte tra domenica e lunedì Daisy Osakue, 22 anni e giovane promessa dell’atletica leggera italiana nelle discipline di lancio del disco e getto del peso, ha riportato una ferita all’occhio dopo avere subìto un’aggressione a Moncalieri, in provincia di Torino. Osakue ha raccontato di essere stata aggredita mentre tornava a casa poco dopo mezzanotte: è stata affiancata da un’auto con a bordo due uomini, uno dei quali le ha lanciato un uovo in faccia, colpendola a un occhio. Osakue, nata in Italia da genitori nigeriani, è stata poi portata all’ospedale Oftalmico di Torino: secondo Ansa, dovrà sottoporsi a un intervento alla cornea per rimuovere un frammento del guscio dell’uovo.

Le cause dell’aggressione non si conoscono ancora, e la polizia sta ancora cercando gli uomini a bordo dell’auto: diversi giornali hanno scritto che i Carabinieri hanno escluso il motivo razziale, e Repubblica dice che nei giorni scorsi era già stata segnalata alla polizia un’auto dalla quale erano state lanciate uova, da un pensionato e da tre donne.

«Io non voglio giocare la carta razzista o sessista» ha detto Osakue a Repubblica, «però a mio avviso stavano cercando una persona di colore, una ragazza, perché lì è una zona che solitamente viene utilizzata da prostitute». Una foto di Osakue subito dopo l’aggressione, con un occhio gonfio, è stata molto condivisa sui social network.

Osakue è nata a Torino nel 1996 ed è diventata cittadina italiana nel 2014, dopo avere compiuto i 18 anni. È considerata da tempo una giovane promessa dell’atletica leggera italiana: è campionessa italiana under 23 del lancio del disco ed è stata convocata per gli Europei che inizieranno sabato a Berlino. Riguardo alla sua partecipazione agli Europei, messa in dubbio da diversi giornali a seguito dell’aggressione di questa notte, Osakue ha detto alla Stampa: «Andrò a Berlino, due giorni senza allenamento, poi mercoledì mattina un altro controllo a Torino all’Oftalmico e potrò ricominciare ad allenarmi giovedì».

Lunedì mattina, quando erano circolate le prime notizie sull’aggressione, qualcuno aveva parlato di un pestaggio: questa versione era circolata molto soprattutto visti i diversi episodi di violenza che hanno avuto come vittime persone straniere nelle ultime settimane. Soltanto lo scorso weekend un uomo marocchino è stato inseguito e picchiato da due abitanti del posto che lo pensavano un ladro ad Aprilia, in provincia di Latina.

Tra quelli che hanno diffuso ricostruzioni sbagliate dell’aggressione a Osakue c’è stato anche l’ex presidente del Consiglio Matteo Renzi, che aveva scritto che l’atleta era stata «selvaggiamente picchiata».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.