L’invio di massa dei messaggi su WhatsApp sarà molto limitato

Si passa da 250 a 20 persone, mentre in India al massimo 5, sperando che serva a ridurre la diffusione di notizie false che hanno portato a violenze

(LIONEL BONAVENTURE/AFP/Getty Images)

WhatsApp ha annunciato di avere ridotto il numero di chat e persone cui si possono inoltrare contemporaneamente i messaggi, con l’obiettivo di ridurre la diffusione di notizie false. La decisione è stata assunta in seguito ad alcuni casi di cronaca, avvenuti soprattutto nei paesi asiatici, dove la diffusione di informazioni false tramite WhatsApp aveva portato a violenze e ad alcuni casi di omicidio.

La società di Whatsapp, che è di proprietà di Facebook, era stata duramente criticata negli ultimi mesi soprattutto per come l’app era stata utilizzata per diffondere voci incontrollate su persone che rapivano bambini per poi venderne gli organi. Alcuni messaggi includevano foto di corpi smembrati o volantini falsi della polizia. Notizie di questo tipo avevano portato a pestaggi soprattutto contro stranieri, sospettati di essere colpevoli, in India e nel Myanmar contro la popolazione rohingya.

La nuova regola decisa da WhatsApp fa sì che si possa inoltrare un messaggio a un massimo di 20 persone contemporaneamente. In India, dove WhatsApp dice di avere avviato un “test” diverso, il limite sarà 5 persone. In precedenza il limite per tutti era 250 e consentiva quindi di far diffondere molto velocemente un messaggio tra decine di migliaia di persone.

WhatsApp ha inoltre deciso di eliminare il tasto “Inoltra” che compare al fianco dei contenuti multimediali nelle chat. La società auspica che con un minor numero di invii contemporanei a disposizione sia più difficile la rapida diffusione di messaggi potenzialmente dannosi, ma molti sono scettici sul fatto che possa cambiare davvero le cose.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di più, e migliori.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la newsletter, una quota minore di inserzioni pubblicitarie, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.