Un particolare del trofeo della Coppa del Mondo FIFA (YASUYOSHI CHIBA/AFP/GettyImages)

Le cose da sapere sulla finale dei Mondiali tra Francia e Croazia

Quando e dove si gioca, oltre a tutte le altre informazioni utili

Un particolare del trofeo della Coppa del Mondo FIFA (YASUYOSHI CHIBA/AFP/GettyImages)

La finale dei Mondiali di calcio 2018 Francia-Croazia si giocherà la prossima domenica, il 15 luglio. L’incontro si disputerà alle ore 17 italiane (le 18 locali) allo stadio Luzhniki di Mosca, l’impianto principale dei Mondiali che ha già ospitato quattro partite dei gironi, tra cui Danimarca-Francia, un ottavo di finale e la seconda semifinale Croazia-Inghilterra. Non si sa ancora quale sarà l’arbitro designato per dirigere la finale: si stanno facendo i nomi dell’iraniano Alireza Faghani, che sarebbe il favorito, e dell’italiano Gianluca Rocchi (che se dovesse essere scelto ci condannerà inevitabilmente a sentire per mille volte che “ci sarà anche un po’ di Italia in finale…”).

La Francia 🇫🇷

Nella sua semifinale, giocata martedì 10 luglio a San Pietroburgo, la Francia ha battuto 1-0 il Belgio grazie a un gol di testa nel secondo tempo del difensore Samuel Umtiti, raggiungendo la sua terza finale di un Mondiale della storia dopo quella vinta a Parigi nel 1998 e quella persa contro l’Italia a Berlino nel 2006. La Francia, allenata dall’allenatore Didier Deschamps, ha un’età media di 26 anni, una delle più basse tra le squadre che hanno partecipato al torneo, ma quasi tutti i suoi giocatori hanno almeno un paio di anni di esperienza ad alti livelli: già alla vigilia del Mondiale era considerata una delle favorite per la vittoria finale. Buona parte dei calciatori francesi è rappresentata dalle seconde generazioni di immigrati, che hanno costituito una nazionale con grande prestanza fisica e doti tecniche sopra la media.

Dopo essere arrivata prima nel suo girone davanti a Danimarca, Perù e Australia, la Francia ha battuto 4-3 l’Argentina agli ottavi, in una delle partite più spettacolari del Mondiale, e 2-0 l’Uruguay ai quarti. La tecnica in velocità della squadra è stata esaltata soprattutto dal suo attacco, uno dei più rapidi e tecnici in scena ai Mondiali. In particolare Kylian Mbappé, attaccante tra i più promettenti al mondo, ha segnato fin qui 3 gol e ha giocato almeno due partite di altissimo livello, contro l’Argentina e contro il Belgio, nella semifinale.

La Croazia 🇭🇷

La Croazia si è qualificata alla finale di domenica dopo aver battuto 2-1 l’Inghilterra, mercoledì 11 luglio, nella terza gara consecutiva del suo Mondiale giocata fino ai tempi supplementari. Rispetto alla Francia, quindi, la Croazia ha giocato 90 minuti in più in totale: l’equivalente di una partita. Il gol decisivo della semifinale è arrivato nel secondo tempo supplementare e lo ha segnato Mario Mandzukic, attaccante della Juventus. Anche la Croazia era arrivata prima nel suo girone, davanti ad Argentina (battuta 3-0), Nigeria e Islanda. Agli ottavi ha superato la Danimarca ai rigori dopo l’1-1 dei primi 90 minuti; ai quarti la Russia, sempre ai rigori, dopo aver pareggiato 2-2 alla fine dei tempi supplementari (e 1-1 nei 90 minuti).

Per la Croazia, allenata da Zlatko Dalić, è la prima volta in una finale dei Mondiali. È un traguardo sportivo incredibile per un paese che, nonostante abbia poco più di 4 milioni di abitanti, ha una grande tradizione negli sport di squadra. La squadra che ha portato a Mondiali è composta dalla generazione di calciatori croati più forte di sempre, tra cui alcuni dei più forti giocatori del calcio europeo degli ultimi anni, da Luka Modric a Ivan Rakitic a Mandzukic a Perisic, affiancati a giovani come Ante Rebic e Marcelo Brozovic. Finora, il miglior risultato ottenuto a un Mondiale era arrivato nel 1998, quando la Croazia aveva concluso come terza.

Dove guardare la finale Francia-Croazia in tv e in diretta streaming

Francia-Croazia sarà trasmessa in diretta e in esclusiva da Mediaset su Canale 5 e Canale 5 HD. Si potrà vedere anche sul canale Mediaset Extra FIFA World Cup con il commento speciale della Gialappa’s Band. Verrà trasmessa inoltre in streaming dal sito di Canale 5 (raggiungibile da qui) e dal sito di Sport Mediaset (a cui ci si arriva da qui).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.