Il brasiliano Douglas Costa dopo il fischio finale di Brasile-Belgio (BENJAMIN CREMEL/AFP/Getty Images)

Il Brasile è fuori dai Mondiali, il Belgio è in semifinale

Nei quarti di finale di Kazan il Belgio ha battuto 2-1 il Brasile, che quindi è fuori

Il brasiliano Douglas Costa dopo il fischio finale di Brasile-Belgio (BENJAMIN CREMEL/AFP/Getty Images)

Dopo Germania, Spagna e Argentina, anche il Brasile si aggiunge alle grandi nazionali di calcio date come favorite per la vittoria dei Mondiali in Russia ma eliminate ben prima del previsto. Nel quarto di finale giocato a Kazan, nella Russia orientale, il Belgio della cosiddetta “generazione d’oro” ha ottenuto il suo primo grande risultato internazionale battendo 2-1 il Brasile, eliminandolo dai Mondiali. Con la vittoria di oggi, il Belgio si è qualificato alle semifinali per la seconda volta nella sua storia: martedì 10 luglio si giocherà contro la Francia a San Pietroburgo l’accesso alla finale di Mosca. Per il Brasile invece, che si era presentato ai Mondiali con una squadra rigenerata dai pessimi Mondiali in casa del 2014, è un’altra delusione.

La vittoria del Belgio è arrivata grazie all’autogol di Fernandinho, una deviazione su calcio d’angolo, e al gol di Kevin de Bruyne nel primo tempo. La partita si è giocata su ritmi intesi ed è stata a lungo aperta, nonostante il vantaggio iniziale del Belgio. Nel secondo tempo il Brasile ha schiacciato nella propria metà campo gli avversari, sfiorando il gol in diverse occasioni e subendo numerosi contropiedi. Ha poi segnato a un quarto d’ora dalla fine con il centrocampista Renato Augusto, ma nei minuti restanti non è riuscito a pareggiare. Nel finale, una gran parata del portiere belga Thibaut Courtois ha evitato che la partita continuasse ai tempi supplementari. Con l’eliminazione del Brasile, tutte le sei nazionali ancora in corsa nel torneo sono europee.