Deraa, Siria (Syrian Civil Defense White Helmets via AP)
  • Mondo
  • giovedì 5 luglio 2018

In Siria ora si combatte al sud

Da metà giugno sono ripresi i bombardamenti del regime di Assad contro i ribelli della provincia di Deraa: ci sono già 270mila profughi, i colloqui per una tregua sono falliti

Deraa, Siria (Syrian Civil Defense White Helmets via AP)

Mercoledì i ribelli siriani che controllano una parte della provincia di Deraa, nel sud-ovest della Siria, hanno annunciato che i colloqui con la Russia per una tregua sono falliti.

Nelle ultime due settimane la zona di Deraa, una delle ultime due aree della Siria ancora sotto il controllo dei ribelli, è ridiventata obiettivo dell’azione militare del regime siriano del presidente Bashar al Assad, sostenuto dalla Russia: Assad è riuscito a prendere il controllo di diverse città nel sud-ovest del paese e ha iniziato a bombardare le zone di Deraa ancora controllate dai ribelli, per costringerli ad andarsene. Il risultato è stato che da metà giugno più di 270mila civili sono stati costretti a lasciare le loro case nel sud della Siria a causa dei combattimenti: molti si sono diretti verso i confini con Israele e Giordania, paesi che finora hanno rifiutato di accogliere i profughi.

La situazione nel sud della Siria: in rosso il regime di Assad e alleati, in grigio gruppi affiliati allo Stato Islamico, in verde i ribelli siriani, in viola le Alture del Golan, al confine tra Siria e Israele (Liveuamap)

Sulla carta la zona di Deraa dovrebbe essere una cosiddetta area di “de-escalation”, dove per circa un anno è rimasta in vigore una tregua garantita da Russia, Turchia e Iran. A metà giugno, però, il regime di Assad ha rivolto le sue attenzioni verso il sud della Siria, dopo essersi assicurato il controllo su altre aree del paese considerate strategicamente più importanti.

Deraa ha un’importanza particolare per i ribelli siriani: qui iniziarono le proteste contro il regime di Assad nel 2011, che si trasformarono poi in guerra civile. Inoltre molti dei ribelli nella provincia di Deraa sono considerati parte di gruppi moderati, membri dell’alleanza “Fronte meridionale” appoggiata dagli Stati Uniti e dal Regno Unito e coordinata da un centro di comando ad Amman, la capitale della Giordania: una situazione molto diversa da quella dell’altra grande area della Siria ancora sotto il controllo dei ribelli, la provincia di Idlib, nel nord-ovest, dominata invece da gruppi di ribelli radicali e jihadisti.

Dopo il fallimento degli ultimi colloqui tra ribelli e Russia sono ricominciati i bombardamenti. La situazione per i ribelli è molto complicata: le condizioni umanitarie dei civili peggiorano di giorno in giorno e gli stati occidentali che li avevano sostenuti hanno detto che non interverranno militarmente in loro difesa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.