Un po’ di pagine da Passenger, la nuova rivista di Iperborea

È un libro-rivista che racconta un paese con articoli, racconti, saggi e fotografie: il primo numero è dedicato all'Islanda

È uscito in libreria (online lo trovate qui) il primo numero di The Passenger, il nuovo progetto editoriale di Iperborea, la casa editrice dedicata alla letteratura nordica. Si tratta di un libro-magazine, un formato poco frequente in Italia ma di successo all’estero – come XXI in Francia, Granta in Regno Unito o McSweeney’s negli Stati Uniti – che unisce il formato libro alla periodicità e ai contenuti editoriali di una rivista.

The Passenger compone l’immagine di un paese e dei suoi abitanti con articoli lunghi, inchieste, reportage letterari e saggi narrativi accompagnati da fotografie, infografiche, cartine e consigli di libri e film. Per ogni numero viene anche commissionato un servizio fotografico originale a un fotografo inviato sul posto, scelto con la collaborazione dell’agenzia fotografica Prospekt. I circa 10-12 testi lunghi – redatti da scrittori, giornalisti, saggisti, studiosi locali e internazionali – sono inediti o tradotti da riviste, saggi, inchieste, antologie; sono selezionati con l’aiuto di traduttori, editori, lettori e consulenti editoriali esperti del paese. Il formato è più grande di quello dei libri di Iperborea: si tratta di una brossura rilegata di 16×24 centimetri e carta pregiata; la grafica è stata disegnata dallo studio milanese TomoTomo, compreso il logo del corvo stilizzato che ricorda Huginn e Muninn, i due corvi della mitologia nordica associati al dio Odino, che ogni giorno viaggiano per il mondo per poi riferirgli quel che è successo nella sera.

La copertina del primo numero, sull’Islanda

Il primo numero è dedicato all’Islanda, con 12 testi che ne raccontano la scena musicale, l’amministrazione anarchica della capitale Reykjavík, gli affari che si fanno con l’edredone, un uccello locale dalle piume pregiate, e il calcio di provincia, dove ci si allena e si gioca, per cinque mesi l’anno, a 60 chilometri dal Circolo polare artico. Di seguito potete sfogliare un articolo sui turisti, strani esseri che affollano sempre di più le strade del paese, dell’artista e scrittore islandese Hallgrímur Helgason, e un’analisi sulla lingua islandese, elemento identitario e unificante che la modernità sta sgretolando. Le fotografie sono state realizzate da Elena Chernyshova, fotoreporter siberiana che vive tra la Russia e Parigi, pubblicata tra gli altri da Le Figaro, Internazionale, Courrier International, il National Geographic e Le Monde.

I prossimi numeri di The Passenger parleranno di Olanda (settembre 2018), Giappone, Norvegia, Argentina e Portogallo. Oltre che sul sito, potete seguire The Passenger su Instagram, Facebook e Twitter.

Sfogliando le slide potete guardare qualche pagina della rivista

Un selfie ai piedi del ghiacciaio Svínafellsjökull, una delle location dove è stata girata la serie tv Game of Thrones (lena Chernyshova)



















Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.