ANSA/DANIEL DAL ZENNARO
  • Italia
  • mercoledì 6 giugno 2018

Gli scioperi dei treni, dei mezzi pubblici e degli aerei di giovedì 7 e venerdì 8 giugno

Riguardano, tra gli altri, i treni di Trenitalia e Trenord e i mezzi pubblici di ATAC a Roma e GTT a Torino: gli orari e le altre cose da sapere

ANSA/DANIEL DAL ZENNARO

Tra giovedì 7 e venerdì 8 giugno sono stati fissati diversi scioperi nel settore dei trasporti: potranno esserci problemi nella circolazione dei treni gestiti da Trenitalia e Trenord (mentre Italo dice che per i suoi treni «non si prevedono impatti»), dei mezzi pubblici di Roma, con ATAC e Roma Tpl, e Torino, con GTT. Altri scioperi sono in programma tra il personale navigante di Blue Panorama e Air Italy e i controllori degli aerei di ENAV. Quest’ultima astensione potrebbe portare imprevisti nei piani di volo di diverse compagnie aeree: Alitalia, per esempio, ha diffuso una lunga lista di voli cancellati. Di seguito trovate una piccola guida con le cose da sapere, gli orari degli scioperi e le fasce di garanzia, se previste.

Gli scioperi dei treni di Trenitalia e Trenord

Trenitalia: lo sciopero inizia alle 22 di giovedì 7 e finisce alle 7 di venerdì 8 giugno. Non sono previste variazioni per i treni di lunga percorrenza, cioè Frecciarossa, Frecciargento, Frecciabianca e InterCity, mentre i treni regionali e suburbani possono subire variazioni o cancellazioni. Qui trovate tutte le informazioni sui treni garantiti. Trenitalia garantisce anche i collegamenti fra Roma Termini e l’aeroporto di Fiumicino e con l’aeroporto di Malpensa. Lo sciopero è stato indetto da Cub Trasporti.

Trenord: lo sciopero inizia alle 22 di giovedì 7 e finisce alle 6 di venerdì 8 giugno. Possono esserci variazioni e cancellazioni nei servizi regionali, suburbani e aeroportuali. Non ci sono treni e orari garantiti, ma viaggiano regolarmente tutti i treni in partenza entro le 22 di giovedì e con arrivo a destinazione finale entro le 23. Come per Trenitalia, lo sciopero è stato indetto da Cub Trasporti.

Italo non prevede variazioni nella circolazione dei suoi treni.

Gli scioperi dei mezzi pubblici Atac e Roma Tpl a Roma e Gtt a Torino

ATAC e Roma Tpl: lo sciopero inizia alle 8:30 di venerdì 8 giugno e finisce dopo quattro ore, alle 12:30. Sono interessate la rete ATAC (bus, tram, metropolitane, ferrovie regionali Roma-Lido, Roma-Civitacastellana-Viterbo, Termini-Centocelle) e le linee periferiche di Roma Tpl. Lo sciopero, proclamato da Ugl, è in realtà esteso a tutte le aziende pubbliche o private di trasporti della regione Lazio. Atac ha ricordato che durante l’ultima astensione si era registrata un’adesione vicina al 22 per cento dei suoi dipendenti.

GTT: a Torino lo sciopero dura l’intera giornata di venerdì 8 giugno. Ci sono però degli orari di garanzia: il servizio urbano e suburbano e la metropolitana circolano regolarmente dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle 15; le autolinee extraurbane e il servizio ferroviario locale (sfm1 – Canavesana e sfmA – Torino – aeroporto – Ceres) dall’inizio del servizio alle 8 e poi dalle 14:30 alle 17:30. È stato proclamato da Faisa-Cisal, Fast-Confsal e Usb Lavoro Privato.

Lo sciopero degli aerei di Alitalia, Blue Panorama e Air Italy

Venerdì 8 giugno i dipendenti di Enav, la società che gestisce il traffico aereo italiano, scioperano dalle 13 alle 17. L’astensione è stata indetta da Filt-Cgil, Uilt-Uil, e Unica. Per la stessa fascia oraria è previsto lo sciopero del personale navigante di cabina delle compagnie aeree Blue Panorama e Air Italy (il nuovo nome della vecchia Meridiana). Qui potete controllare lo stato dei voli di Air Italy. L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha messo insieme la lista di tutti i voli garantiti.

Alitalia ha attivato un “piano straordinario” per ricollocare la maggior parte dei passeggeri su altri voli. Ci sono comunque parecchi voli cancellati, li trovate qui.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.