Il centrocampista del Cittadella Andrea Settembrini nella partita di campionato contro il Bari (LaPresse/Garbuio Paola)
  • Sport
  • giovedì 24 Maggio 2018

C’è un problema con i playoff di Serie B

Dovevano iniziare sabato ma sono stati rinviati di una settimana per via di un guaio che coinvolge il Bari

Il centrocampista del Cittadella Andrea Settembrini nella partita di campionato contro il Bari (LaPresse/Garbuio Paola)

I playoff di Serie B che decideranno la terza e ultima squadra promossa in Serie A sarebbero dovuti iniziare sabato con la prima partita tra Bari e Cittadella, ma sono stati rinviati di una settimana a causa del recente deferimento del Bari – in termini sportivi, una sorta di rinvio a giudizio. Il deferimento è arrivato in seguito ai ritardi riscontrati nei pagamenti dell’IRPEF e dei contributi INPS relativi ai mesi di gennaio e febbraio. L’udienza presso il Tribunale Federale che potrebbe infliggere una penalizzazione al Bari è stata anticipata dal primo giugno a domani: comunque troppo tardi. La penalizzazione infatti retrocederebbe il Bari dalla sesta alla settima posizione e porterebbe il Cittadella al sesto posto: questo invertirebbe l’ordine delle squadre nella partita del primo turno, con il Bari che dovrebbe andare a giocare a Cittadella, e non più il contrario.

1) Empoli – 85  ↑
2) Parma – 72  ↑
——————————————
3) Frosinone – 72
4) Palermo – 71
5) Venezia – 67
6) Bari – 67 *
7) Cittadella – 66
8) Perugia – 60

Empoli e Parma sono le due squadre di Serie B che hanno ottenuto la promozione diretta in Serie A concludendo il campionato nelle prime due posizioni. Frosinone, Palermo, Venezia, Bari, Cittadella e Perugia se la giocheranno invece ai playoff. Al primo turno dei playoff si disputano due partite: nella prima giocano la quinta contro l’ottava classificata (Bari-Cittadella), nella seconda la sesta gioca contro la settima (Venezia-Perugia). Secondo il regolamento, il primo turno si gioca in gara unica mentre le semifinali e la finale si giocano tra andata e ritorno. Dopo la vicenda legata al deferimento del Bari, la Lega Serie B ha spostato le gare del primo turno a domenica 3 giugno. Le semifinali si disputeranno il 6 e il 10 mentre le finali il 13 e il 16 dello stesso mese.

Palermo e Frosinone, retrocesse dalla Serie A l’anno scorso e due anni fa, partono favorite per quello che hanno fatto vedere nel corso del campionato. Pur avendo due squadre sulla carta molto più forti della media del campionato, hanno mancato la promozione diretta per l’andamento discontinuo avuto nella seconda metà della stagione. Perugia e Cittadella sono le più indicate per l’eliminazione al primo turno. Il Cittadella, tuttavia, nel corso del campionato ha battuto squadre che le sono arrivate davanti in classifica e ha vinto molte partite in trasferta, cosa che di solito dimostra la solidità di una squadra.

Il Venezia allenato da Filippo Inzaghi è l’unica delle otto squadre ai playoff che viene dalla Serie C. È sempre stata nella parte alta della classifica e grazie alle modifiche apportate alla rosa nel mercato invernale, si è assicurato un posto ai playoff con largo anticipo. Una curiosità: al primo turno dei playoff il Venezia giocherà contro il Perugia allenato da Alessandro Nesta, compagno di squadra di Inzaghi al Milan e nella Nazionale campione del mondo nel 2006. Anche l’allenatore del Bari, Fabio Grosso, fece parte di quella squadra, come tutti ben ricorderete.

Stasera invece inizieranno i playout, con Ascoli e Virtus Entella che si giocheranno la permanenza in Serie B fra l’andata di stasera e il ritorno in programma il 31 maggio. Chi fra le due verrà retrocessa, si aggiungerà a Novara, Pro Vercelli e Ternana, scese in Serie C dopo aver concluso il campionato nelle ultime tre posizioni.

 18) Ascoli – 46
 19) Entella – 44
——————————————
 20) Novara – 44  ↓
 21) Pro Vercelli – 40  ↓
 22) Ternana – 37  ↓

Qui il calendario dei playoff di Serie C.