Forse è la volta buona per i servizi della pubblica amministrazione in digitale

Il Team per la Trasformazione Digitale ha presentato un'app molto promettente per i servizi pubblici, una cosa che potrebbe migliorarci la vita

Quando nel febbraio del 2016 Diego Piacentini fu nominato commissario per il digitale dal governo Renzi, molti esperti del settore si dissero ottimisti per la nomina di un manager dai riconosciuti successi, ma confermarono i dubbi sull’effettiva possibilità di cambiare le cose nell’annoso e irrisolto processo di digitalizzazione della pubblica amministrazione. In due anni di lavoro l’ex manager di Amazon – tra i più stretti collaboratori del CEO Jeff Bezos – ha ottenuto risultati importanti nel programmare e gestire il cosiddetto “piano per la digitalizzazione”, che si sta ora concretizzando nella scommessa più importante di tutte: creare un’app della pubblica amministrazione che funzioni sul serio, un unico ambiente digitale in cui raccogliere e gestire tutti i propri rapporti con anagrafe, sistema sanitario nazionale e quant’altro. L’app si chiama IO, esiste già ed è stata presentata ufficialmente per la prima volta martedì, in vista della sua sperimentazione nei prossimi mesi con un numero ristretto di amministrazioni, prima di finire sugli smartphone di tutti noi.

IO è frutto del lavoro del Team per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio con la collaborazione dell’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID). L’applicazione è una sorta di hub che raccoglie e mantiene organizzate le informazioni provenienti dai sistemi digitali già in funzione delle singole amministrazioni. L’idea, che Piacentini aveva spiegato estesamente un anno fa al momento del varo del piano triennale, è rendere omogenea e coerente nel funzionamento l’offerta della pubblica amministrazione, evitando che ogni ente faccia di testa propria con portali molto diversi tra loro, regole di funzionamento arbitrarie e impossibilità di mettere in condivisione i dati necessari tra enti diversi.

Il progetto sperimentale si muove quindi su due piani: da un lato c’è quello dedicato alle pubbliche amministrazioni, con informazioni e strumenti per rendere coerenti i loro servizi e avere un interlocutore centrale unico e facilmente identificabile; dall’altro offrire un unico punto di accesso ai cittadini, tramite un’applicazione ufficiale e facilmente riconoscibile di cui potersi fidare, con garanzie dal lato della sicurezza dei dati e dei pagamenti.

Clicca per ingrandire

L’app IO è suddivisa in tre principali aree, cui si aggiungono la classica sezione per impostare le preferenze e una per la gestione del proprio profilo, con i dati personali e le altre informazioni di contatto.

Messaggi
Come suggerisce il nome, nella sezione “Messaggi” sono raccolte tutte le comunicazioni ricevute dalla pubblica amministrazione. Per esempio, un comune potrà comunicare la necessità di pagare la tassa per i rifiuti, indicando l’importo da pagare e la scadenza: l’app è studiata in modo da potere impostare un promemoria, per ricevere una notifica che ricordi di effettuare il pagamento. Altri enti potranno inviare avvisi oppure fascicoli sanitari, semplificando la consultazione della propria documentazione medica. Una sottosezione “Scadenze” consentirà di vedere il solo elenco dei documenti e degli avvisi che richiedono un intervento di qualche tipo, per essere certi di avere tutto sotto controllo.

Portafoglio
IO renderà possibile i pagamenti verso lo Stato direttamente all’interno dell’applicazione, attraverso il sistema di recente rinnovato di PagoPA. Ogni utente potrà quindi associare la propria carta di credito all’account nella app, oppure aggiungere altri servizi come Paypal e Satispay. Gli avvisi cartacei dotati di QR code potranno essere ugualmente pagati dalla app, semplificando il meccanismo e riducendo soprattutto tempi e imprevisti per farlo. Nella app saranno sempre disponibili tutte le ricevute di pagamento, che attestano le transazioni.

Documenti
Le ricevute dei pagamenti saranno conservate nella sezione “Documenti” insieme ai propri certificati ottenuti dalla pubblica amministrazione. Ogni documento potrà essere visualizzato in anteprima e poi condiviso con altri enti, nel caso siano richiesti per portare avanti particolari pratiche. L’archivio conterrà i bollettini pagati, certificati come quelli di residenza e le ricette mediche, per fare qualche esempio. Un sistema di ricerca consentirà di ritrovare i documenti più vecchi, cercando anche all’interno dei loro contenuti.

Profilo
Per potere utilizzare IO sarà necessario uno SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), la soluzione adottata dalla pubblica amministrazione per assicurarsi che ogni account sia collegato a una sola persona fisica e che sia effettivamente chi dichiara di essere. Lo SPID ha già contribuito a semplificare i rapporti digitali con la pubblica amministrazione e a migliorare la sicurezza per gli utenti: può essere richiesto partendo da qui. L’app consentirà inoltre di impostare un PIN o il riconoscimento dell’impronta digitale (sugli smartphone compatibili) per rendere ancora più rapido l’accesso ai servizi di IO.

La volta buona?
È ancora presto per dire se IO possa essere davvero la soluzione a buona parte dei problemi di ciascuno di noi con la burocrazia, anche considerati i precedenti poco edificanti. Di digitalizzazione e semplificazione nel rapporto con la pubblica amministrazione si parla da anni, ma gli innumerevoli piani per migliorare le cose sono naufragati tutti, facendo comprensibilmente crescere il luogo comune secondo cui la digitalizzazione in un settore così articolato e complesso sia una chimera.

A differenza delle volte scorse, IO arriva a valle di un lavoro molto esteso svolto dal Team per la Trasformazione Digitale e AgID, che come abbiamo visto ha prima di tutto coinvolto le singole amministrazioni, fornendo loro gli strumenti necessari per arrivare preparate alla seconda fase, quella sperimentale da poco avviata. I test dei prossimi mesi serviranno a tutti (utenti, gestori di IO e amministratori) per prendere le misure e migliorare il servizio, in una grande fase di prova mai sperimentata prima su questa scala. Se tutto funzionerà come sperano Piacentini e i suoi, l’app arriverà infine negli store e diventerà lo strumento per dialogare online con gli enti pubblici.

Le incognite naturalmente non mancano e sono più che altro di natura politica. L’attuale gruppo di lavoro ha potuto contare sul sostegno del governo Renzi prima e di quello Gentiloni poi, senza dimenticare gli sforzi fatti dai precedenti governi Letta e Monti. Proprio a quest’ultimo si deve la nascita dell’AgID, che ha poi sottoscritto la convenzione per il piano triennale. Il tema del digitale è stato pressoché assente durante la campagna elettorale e i due partiti che si sono messi d’accordo per governare insieme, Lega e M5S, non hanno espresso punti molto chiari sulla digitalizzazione nel loro “contratto”.

Alcune tutele sul lavoro svolto finora ci sono comunque, grazie al Codice dell’Amministrazione Digitale, che indica come obbligatoria l’esistenza di un “punto di accesso telematico” alla pubblica amministrazione. IO soddisfa questa richiesta, quindi il progetto dovrebbe proseguire e l’app collegata rimanere disponibile. Fino a prova contraria.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.