(JUAN BARRETO/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 21 maggio 2018

Nicolás Maduro è stato rieletto presidente del Venezuela

Come previsto: e l'unico candidato dell'opposizione – gli altri hanno boicottato il voto – si è rifiutato di riconoscere il risultato

(JUAN BARRETO/AFP/Getty Images)

Nicolás Maduro è stato rieletto presidente del Venezuela per un nuovo mandato di sei anni, ma le elezioni di domenica non sono considerate libere dagli osservatori internazionali e il principale candidato dell’opposizione – per anni e ancora oggi repressa, delegittimata e perseguitata – ha rifiutato di riconoscerne il risultato. Secondo l’ufficio nazionale delle elezioni, con oltre il 90 per cento dei voti scrutinati, Maduro ha ottenuto 5,8 milioni di voti (il 67,7 per cento) mentre il suo principale avversario Henri Falcón, poco rappresentativo dell’opposizione venezuelana, ne ha ottenuti 1,8 milioni (il 21,2 per cento).

Sostenitori di Maduro in festa a Caracas, Venezuela, 20 maggio 2018 (AP Photo/Ariana Cubillos)

L’affluenza è stata molto bassa, pari a circa il 46 per cento, mentre era stata dell’80 per cento alle elezioni del 2013. Durante tutta la giornata di ieri decine di seggi elettorali, anche quelli dei quartieri popolari, erano semivuoti: mentre di solito quando ci sono le presidenziali in Venezuela è normale vedere i marciapiedi occupati da lunghe file di cittadini in attesa di votare. I seggi erano semivuoti anche a Petare, un quartiere storicamente con un’alta percentuale di militanti e sostenitori dell’ex presidente Hugo Chávez e uno dei più popolati della città.

Un militare suona il flauto in un seggio vuoto di Caracas, Venezuela, 20 maggio 2018 (AP Photo/Ariana Cubillos)

Alle elezioni di domenica si è arrivati dopo anni di gravissima crisi economica e politica, che ha riportato milioni di venezuelani nella povertà e nella fame e ha costretto centinaia di migliaia di altri a scappare dal paese. Negli ultimi anni Maduro – che è presidente dal 2013, quando fu eletto per la prima volta pochi mesi dopo la morte di Chávez – ha cercato di rafforzare il suo controllo sul paese svuotando di poteri le istituzioni democratiche, rimandando le elezioni e arrestando decine di avversari politici. Il Parlamento del paese, che alle ultime elezioni era passato sotto il controllo dell’opposizione, è stato chiuso e sostituito con un nuovo organo legislativo controllato dai sostenitori di Maduro.

Maduro ha parlato di una giornata “storica”, di una “vittoria eroica”, “popolare”, e di un processo elettorale “impeccabile”. A mano a mano che i risultati arrivavano, i sostenitori di Maduro hanno cominciato a sparare fuochi d’artificio nei quartieri poveri di Caracas e a ballare dirigendosi verso il palazzo presidenziale. Falcón ha accusato il governo di aver truccato le elezioni offrendo soldi e cibo a chi avesse votato per la rielezione di Maduro. I principali partiti di opposizione, inoltre, avevano deciso di non partecipare alle elezioni per non legittimare quella che ritenevano una scontata vittoria di Maduro e per non convalidare un sistema elettorale manipolato.

Il candidato di parte delle opposizioni Falcón denuncia le irregolarità del voto, Caracas, 20 maggio 2018 (AP Photo/Fernando Llano)

Henrique Capriles, che nel 2013 era arrivato vicinissimo a battere Maduro alle elezioni presidenziali, ha scritto su Twitter che “Tutti i venezuelani sanno cos’è successo oggi!”, e che “servono per il nostro amato Venezuela elezioni davvero libere e democratiche, che riflettano la volontà del popolo”.

Diversi paesi, compresi gli Stati Uniti, il Canada, il Brasile, l’Argentina, il Cile, la Colombia e il Messico, avevano fatto sapere che non avrebbero riconosciuto il risultato delle elezioni presidenziali. Diverse organizzazioni internazionali, come l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ma anche l’Unione Europea, avevano denunciato la mancanza di trasparenza e delle necessarie garanzie elettorali del voto. La delegazione che rappresenta gli Stati Uniti in Venezuela ha fatto sapere che «Le cosiddette elezioni di oggi in Venezuela sono un insulto alla democrazia […]. È tempo che Maduro se ne vada». Il presidente del Cile, Sebastián Piñera, ha affermato che il suo paese, «come la maggior parte dei paesi democratici», non riconoscerà il voto: «Non sono state elezioni pulite o legittime e non rappresentano la volontà libera e sovrana del popolo venezuelano». Tuttavia alcuni altri paesi – come Bolivia, Cuba e Russia – hanno espresso il loro sostegno per la giornata elettorale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.