• Sport
  • domenica 13 maggio 2018

La Juventus ha vinto lo Scudetto

Con il pareggio a Roma nel posticipo della penultima giornata di campionato: è il suo 34esimo Scudetto, il settimo di fila

I giocatori della Juventus festeggiano la vittoria dello Scudetto allo Stadio Olimpico di Roma (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

La Juventus ha pareggiato 0-0 contro la Roma nel posticipo della penultima giornata di Serie A e grazie al punto ottenuto è matematicamente campione d’Italia con un turno di anticipo. Per la Juventus è il 34esimo Scudetto, il settimo consecutivo: un nuovo record per il campionato italiano e una delle strisce di vittorie più lunghe nella storia recente del calcio europeo. Manca ancora una giornata alla fine del campionato, ma il Napoli secondo in classifica non può più raggiungerla: nonostante la vittoria di stasera contro la Sampdoria, ha 4 punti di svantaggio. La Roma invece, indipendentemente dal risultato di stasera, era già qualificata alla Champions League e all’ultima giornata si giocherà il terzo posto a distanza con la Lazio, che può ancora superarla.

Con il suo settimo Scudetto di fila, la Juventus ha migliorato il suo record di vittorie consecutive (l’Inter, il Torino e la stessa Juventus in passato ne avevano vinti cinque di fila). Tra i cinque maggiori campionati europei, soltanto il Lione in Francia aveva vinto altrettanti campionati consecutivi, tra il 2002 e il 2008. Anche se non ha ancora ufficializzato il suo ritiro, è probabile che quello vinto stasera sia l’ultimo Scudetto del portiere e capitano della Juventus Gianluigi Buffon, che in carriera ne ha vinti nove, più di qualsiasi altro giocatore italiano nella storia.

Il settimo Scudetto della Juventus, il quarto della gestione di Massimiliano Allegri, è stato molto più complicato e meno scontato dei precedenti, fatta eccezione per il primo di questo ciclo vincente, ottenuto nel 2012 contro il Milan. Addirittura, fino a poche giornate fa, la Juventus sembrava destinata a interrompere la sua striscia vincente in favore del Napoli, che aveva vinto lo scontro diretto a Torino portandosi a un punto di svantaggio, con tre giornate mancanti e un calendario molto più semplice. Poi però era successo di tutto: la Juventus aveva vinto all’ultimo minuto la rocambolesca partita a San Siro contro l’Inter, e il Napoli aveva prima perso contro la Fiorentina e poi pareggiato contro il Torino.

La Juventus, oltre allo Scudetto, ha centrato uno degli altri due obiettivi stagionali, vincendo la Coppa Italia nella finale di mercoledì scorso: 4-0 al Milan. Non è invece ancora riuscita a vincere la Champions League, trofeo che le manca da ormai 22 anni e che è stata una specie di ossessione negli ultimi anni, caratterizzati da due finali perse e da eliminazioni molto sofferte, come quella ottenuta quest’anno contro il Real Madrid. Non si sa cosa succederà il prossimo anno alla Juventus: girano voci contrastanti sul futuro dell’allenatore Massimiliano Allegri, e non ci sono certezze nemmeno sul futuro di alcuni suoi giocatori fondamentali come Paulo Dybala, Mario Mandzukic e Alex Sandro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.