• Mondo
  • giovedì 10 maggio 2018

Nella Repubblica Democratica del Congo è in corso una nuova epidemia di ebola

L’8 maggio il governo della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato che è in corso nuova epidemia di ebola nel paese. La zona colpita è quella di Bikoro, una città della provincia di Équateur, nel nord-ovest. La dichiarazione è arrivata dopo la conferma di alcune analisi svolte in laboratorio su due casi in particolare. Il ministero della Sanità locale ha informato l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’agenzia dell’ONU che si occupa di salute e medicina, che su 5 campioni prelevati da 5 pazienti, 2 hanno dato risultati positivi al virus ebola. Le analisi sono state fatte dall’Istituto nazionale per la ricerca biologica di Kinshasa. Altri campioni saranno prelevati per ulteriori analisi. Nelle ultime cinque settimane sono state segnalate 17 morti sospette.

L’OMS sta lavorando a stretto contatto con il governo della Repubblica Democratica del Congo per mobilitare i partner sanitari utilizzando come modello il protocollo applicato con successo nel 2017. Nella Repubblica Democratica del Congo abitano 77 milioni di persone e quella in corso è la nona epidemia di ebola nel paese: l’ultima era avvenuta nel maggio del 2017. Quella del 2014 aveva causato la morte di più di 40 persone. Fra il 2013 e il 2014 ebola ha causato più di 11mila morti e una grande epidemia nell’Africa occidentale: da qualche mese è disponibile un vaccino sviluppato dall’azienda farmaceutica statunitense Merck la cui efficacia è stata provata da moltissimi test.

Un centro di quarantena nella provincia di Bas-Uélé nella Repubblica Democratica del Congo. 13 giugno 2017 (JOHN WESSELS/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.