(Da "The Handmaid's Tale")

Cosa succedeva in “The Handmaid’s Tale”

Un riassunto delle puntate precedenti, ora che sono arrivati i primi episodi della seconda stagione (anche in Italia, su TIMVISION)

(Da "The Handmaid's Tale")

Da oggi, giovedì 26 aprile, i primi due episodi della seconda stagione di The Handmaid’s Tale si possono vedere su TIMVISION, che poi ne renderà disponibile uno nuovo ogni giovedì. The Handmaid’s Tale è una serie distopica tratta dal Racconto dell’ancella, un romanzo scritto nel 1985 da Margaret Atwood. La prima stagione era composta da 10 episodi ed è stata una delle più premiate agli Emmy, dove ha vinto anche il premio per la miglior serie drammatica. La seconda è composta da 13 episodi. La prima stagione era tratta dal libro, a cui era in genere piuttosto fedele; la seconda racconterà una storia nuova e inedita. Abbiamo messo insieme le cose da ricordare della prima, per arrivare pronti alla seconda.

Leggi anche: Tu non sei tua, tu sei una cosa, tu non sei nessuno

Dove e quando
Il libro era ambientato negli anni Ottanta; la serie è ambientata ai giorni nostri: lo si capisce perché ci sono flashback in cui si parla per esempio dell’ISIS o di Uber. Al posto degli Stati Uniti però c’è la Repubblica di Gilead, un regime estremista e misogino. C’è una guerra di cui si sa poco, e soprattutto c’è il fatto che – per l’inquinamento e altri fattori – le percentuali di fertilità sono diventate molto basse. Tutte le donne sono quindi sottomesse e usate per un fine preciso: alcune di loro, le poche rimaste fertili, sono usate per la riproduzione. Sono le Handmaid, le ancelle, e sono considerate “risorsa nazionale”: vengono assegnate a coppie sterili della gerarchia che controlla il paese e sono animali da riproduzione.

Il riferimento ideologico con cui la dittatura giustifica questa istituzione è l’episodio dell’Antico Testamento in cui Rachele, sterile, chiede a Giacobbe di avere rapporti sessuali con la sua serva Bilhah, davanti a lei, e di metterla incinta, in modo da poter avere un figlio attraverso di lei. Tutte le donne sono sottomesse: quelle che non si adeguano vengono torturate o mandate ai lavori forzati.

Nel corso della prima stagione ci sono diversi flashback che raccontano come sia nata e si sia imposta la Repubblica di Gilead: prima bloccando i conti correnti delle donne, poi trasferendo i loro soldi al marito, poi impedendo loro di lavorare. A Gilead quasi tutto è vietato alle donne.

La prima stagione
La protagonista è Diffred (cioè Di Fred), chiamata così perché viene assegnata alla casa di un Comandante di nome Fred. Prima di Gilead, Diffred si chiamava June e aveva un marito e una figlia. Insieme avevano provato a scappare, capendo la terribile piega che stava prendendo la situazione. Lei era stata catturata e, tramite violenze e torture, costretta a diventare un’ancella. La figlia – si scopre durante la serie – era finita in un non meglio definito istituto, lontana dalla madre. Il marito, Luke, era invece riuscito a scappare a Toronto, da dove stava cercando di rintracciare moglie e figlia.

Gran parte della serie è però ambientata a Gilead. Diffred finisce in un centro di addestramento gestito da zia Lydia (le Zie sono donne che hanno il compito di preparare le ancelle alla loro schiavitù) e in cui conosce altre donne nella sua stessa condizione: per esempio Janine, l’ancella a cui, per punizione, viene tolto un occhio. Janine è anche ritenuta di essere responsabile di uno stupro di gruppo di cui era stata vittima a 14 anni.

Diffred finisce a fare l’ancella nella casa in cui vivono il Comandante Fred Waterford e sua Moglie Serena, due pezzi molto grossi di Gilead. Le uniche persone con cui Diffred sembra avere un rapporto normale (per quanto possibile in quelle condizioni) sono Diglen (un’altra ancella, il cui vero nome è Emily) e Nick, una specie di tuttofare nella casa di Fred e Serena.

Emily rivela a June l’esistenza del Mayday, un’organizzazione clandestina che si oppone a Gilead. Le dice anche di sapere che nella casa in cui vive June c’è un Occhio, una spia di Gilead, messa lì per controllare che nessuno contravvenga ai molti e rigidi dogmi di quella dittatura teocratica. Prima che Emily riesca a dirle molto altro viene però trasferita, e brutalmente punita, perché si scopre che aveva una relazione con un’altra donna che viveva nella casa in cui faceva l’ancella. La punizione per Emily è una mutilazione genitale: serve per impedirle di provare piacere, ma non di avere figli. Poi Emily torna e, guidando un’auto, fa un piccolo gesto di grande opposizione a Gilead (anche guidare è ovviamente vietato). Viene fermata e non si sa che ne sarà di lei.

Dopo un po’ di tempo che Diffred è nella sua casa, il comandante Fred inizia a trattarla in modo diverso: sembra volerle essere amico, gioca con lei a Scarabeo, le permette persino di leggere delle riviste (le ancelle non potrebbero leggere, a Gilead). Fred è un personaggio ambiguo, e nel corso della serie June scopre che una precedente ancella si è suicidata dopo aver avuto un simile rapporto con Fred. Tra le altre cose, Fred porta June a Jezebel, un luogo illegale in cui non vigono alcune delle regole di Gilead: si balla, si beve, ci sono prostitute e, per la prima volta da quando è ancella, June ci va indossando un abito da sera. Il fatto che Fred frequenti quel luogo però è strano, ed è forse il motivo per cui nella sua casa c’è un Occhio.

A Jezebel, June rivede Moira, una vecchia amica con la quale aveva provato a fuggire da Gilead, e la convince a aiutarla a recuperare dei documenti utili alla Resistenza. Moira, che è costretta a fare la prostituta, all’inizio è titubante; poi decide di aiutare June e la Resistenza e, in seguito, di scappare: ci riesce e arriva a Toronto, dove incontra Luke.

In tutto ciò, June non è ancora rimasta incinta; ma per come funziona Gilead, quella è la sua unica utilità. Serena, convinta della sterilità del marito, costringe Nick e June ad avere un rapporto sessuale, così che June resti incinta di Nick e che quello diventi poi a tutti gli effetti il figlio di Serena e Fred. June resta effettivamente incinta. Altre due cose da sapere su Nick: June decide altro volte di andare da lui a fare sesso; e qualcuno dice a June che è Nick l’Occhio (la spia) che vive con lei.

Un’altra cosa da ricordare riguarda Janine, l’ancella a cui era stato tolto un occhio. Il Comandante a cui viene affidata si finge innamorato di lei. Lei, che nel frattempo partorisce, scopre che lui mentiva e minaccia di suicidarsi buttandosi da un ponte insieme al neonato. June, che è considerata l’unica di cui Janine si fida, viene chiamata per convincerla a non suicidarsi e uccidere anche suo figlio. Janine decide di non uccidere il figlio ma sceglie comunque di buttarsi dal ponte; non muore, però, e viene quindi condannata alla morte per lapidazione da parte delle altre ancelle. La lapidazione non avviene perché June e le altre ancelle si rifiutano.

La prima stagione finisce con June che, tornata dalla lapidazione che è stata evitata grazie a lei, viene arrestata. Poco prima che prelevino June, Nick le dice di fidarsi di lui e andare su un furgoncino nero.

La seconda stagione
Come ha scritto Hillary Kelly su Vulture, il primo episodio della seconda stagione «inizia esattamente dove era finito l’ultimo della prima: Diffred [o June, o Offred nella versione originale] è nel retro del furgoncino, senza sapere se stia per essere salvata, arrestata o uccisa. Molte serie tv inizierebbero con il botto una seconda stagione così attesa, in questo caso si inizia con un minuto di completo silenzio di Diffred».

La seconda stagione non è tratta da un libro, perché il primo finiva praticamente come finiva la serie. Non si sa cosa succederà, ma i trailer usciti finora fanno pensare che, dopo che nella prima stagione si è capito com’è nata e come funziona Gilead, lo sguardo si allargherà anche all’estero: Toronto, dove ci sono Luke e Moira, le Colonie (dove vengono mandati i prigionieri o i reietti di Gilead) e magari altri stati esteri. Nella prima stagione si vedeva per esempio che Fred accoglieva una delegazione messicana, arrivata a Gilead per provare ad avere donne fertili. Durante quell’incontro June riusciva tra l’altro a scoprire, grazie a un uomo della delegazione messicana, che suo marito Luke era vivo e che da Toronto la stava cercando.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.