Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov (YURI KADOBNOV/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • giovedì 29 marzo 2018

La Russia espellerà 150 diplomatici stranieri

Lo stesso numero di quelli russi che sono stati espulsi fin qui da altri paesi come ritorsione per l'avvelenamento di Sergei Skripal

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov (YURI KADOBNOV/AFP/Getty Images)

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha annunciato oggi che la Russia espellerà 6o diplomatici statunitensi e chiuderà l’ambasciata degli Stati Uniti a San Pietroburgo. A inizio settimana gli Stati Uniti avevano annunciato l’espulsione dello stesso numero di diplomatici russi e la chiusura di un’ambasciata, come ritorsione per l’avvelenamento della ex spia russa Sergei Skripal, di cui la Russia è ritenuta responsabile pur avendo negato ogni coinvolgimento. Lavrov ha anche detto che la Russia espellerà diplomatici di tutti i paesi che – come gli Stati Uniti – avevano annunciato lunedì di aver espulso diplomatici russi. In tutto, quindi, la Russia espellerà 150 diplomatici stranieri.

L’espulsione di diplomatici stranieri da parte della Russia era attesa e prevedibile. Una misura simile era stata già presa nei confronti di 23 diplomatici britannici poco più di 10 giorni fa, e anche in quel caso si trattava di una risposta all’espulsione di un ugual numero di diplomatici russi da parte del Regno Unito. L’annuncio di Lavrov ha comunque confermato la difficile situazione dei rapporti diplomatici tra la Russia e gran parte dei grandi paesi occidentali, che nelle ultime settimane hanno deciso di appoggiare il Regno Unito nelle ritorsioni per l’avvelenamento di Skripal.

Skripal, un ex funzionario dell’intelligence russa che per anni aveva passato segreti al Regno Unito, era stato trovato accasciato su una panchina della città britannica di Salisbury – dove vive da diversi anni – insieme a sua figlia. Le indagini della polizia hanno stabilito che i due erano stati avvelenati con un tipo di agente nervino prodotto soltanto dalla Russia, e avevano accusato pubblicamente la Russia del tentato omicidio. Le prove raccolte dalla polizia britannica non sono state rese pubbliche, ma sono state condivise dal Regno Unito con i suoi principali alleati. Lunedì scorso, dopo che il Regno Unito aveva già espulso 23 diplomatici russi ritenute spie sotto copertura, gli Stati Uniti e altri 14 paesi dell’Unione Europea (tra cui l’Italia) avevano annunciato di aver espulso in tutto 150 diplomatici russi. Anche la Nato ha annunciato di aver espulso per lo stesso motivo 7 diplomatici russi che lavoravano come ufficiali di collegamento.

Sergei Skripal e sua figlia Yulia Skripal sono ancora ricoverati in ospedale. Oggi i medici di Salisbury hanno detto che Yulia Skripal – 33 anni – non è più in condizioni “critiche” e che la sua salute sta migliorando rapidamente. Sergei Skripal – 66 anni – è ancora in condizioni gravi ma stabili.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.