• Mondo
  • sabato 17 marzo 2018

La Russia ha espulso 23 diplomatici britannici, in seguito alle accuse sul caso della spia russa avvelenata

Il ministero degli Esteri russo ha annunciato oggi l’espulsione di 23 diplomatici britannici, come conseguenza delle accuse mosse negli ultimi giorni da importanti politici del Regno Unito – soprattutto la prima ministra Theresa May e il ministro degli Esteri Boris Johnson – riguardo al caso dell’avvelenamento della spia russa Sergei Skripal e della figlia Yulia. Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha convocato oggi l’ambasciatore britannico per informarlo della decisione, arrivata dopo una analoga del governo del Regno Unito, che nei giorni scorsi aveva espulso 23 diplomatici russi.

Nei giorni scorsi, May aveva detto che è «molto probabile» che ci sia la Russia dietro al tentato omicidio di Skripal, avvenuto in pieno giorno a Salisbury, mentre Johnson aveva accusato direttamente il presidente russo Vladimir Putin. La Russia ha sempre negato categoricamente.

L'ambasciatore britannico Laurie Bristow davanti al ministero degli Esteri russo. (ALEXANDER NEMENOV/AFP/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.