• Italia
  • giovedì 22 marzo 2018

Sono stati sentiti due forti boati in Lombardia, causati da due aerei caccia

Questa mattina intorno alle 11.15 sono stati sentiti due forti boati – simili a delle esplosioni – in buona parte della Lombardia e in altre zone del Nord Italia: l’Aeronautica ha confermato che sono stati causati da due aerei caccia che hanno superato la barriera del suono, come era stato già anticipato dai giornali. Il rumore è stato sentito in diverse province, da Milano a Bergamo alla Brianza a Varese a Mantova. Ci sono state anche segnalazioni di vetri che sono stati scossi, e secondo il Giorno il palazzo della procura di Bergamo e altri edifici in diverse città sono stati evacuati.

I due caccia F-2000 Eurofighter sono partiti dalla base di Istrana, in provincia di Treviso, perché un Boeing 777 di Air France in volo sopra il Nord Italia non rispondeva più alla radio. Il volo era partito dall’isola della Riunione, vicino al Madagascar, e diretto a Parigi: i due caccia l’hanno raggiunto sopra la Lombardia, verificando che fosse tutto a posto. L’Aeronautica ha spiegato che i due caccia hanno volato ad altissima velocità, superando la barriera del suono, per raggiungere più in fretta l’aereo, e che i venti e le condizioni atmosferiche hanno reso i due boati particolarmente forti, nonostante volassero a quota elevata.

I due caccia hanno quindi superato la velocità del suono, intorno ai 1.200 chilometri orari in normali condizioni. Le onde d’urto generate da questo tipo di volo provocano un rumore fortissimo percepito dall’orecchio umano come simile a quello di un’esplosione, motivo per cui quando succedono cose simili c’è sempre un po’ di preoccupazione.

– Leggi anche: Tutte le maglie dei Mondiali di calcio

– Leggi anche: Cosa succede venerdì e sabato con i presidenti di Camera e Senato

– Leggi anche: Il video dell’incidente mortale dell’auto di Uber che si guida da sola

(Foto: Aeronautica)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.