• Auto
  • giovedì 22 marzo 2018

Il video dell’incidente mortale dell’auto di Uber che si guida da sola

Lo ha diffuso la polizia di Tempe e mostra gli istanti prima dell'investimento, fuori e dentro l'automobile

(Uber / Tempe Police Department)

La polizia di Tempe, in Arizona, ha diffuso un video che mostra le riprese effettuate dall’automobile a guida autonoma di Uber che la scorsa domenica ha investito e ucciso una persona. Le immagini mostrano come si è svolto l’incidente, su un tratto di strada ad alto scorrimento dove non ci sono passaggi pedonali. Le riprese dimostrano inoltre che a bordo dell’automobile l’operatore incaricato di intervenire in caso di emergenza non stava avendo problemi, seppure fosse un po’ distratto.

Domenica 18 marzo intorno alle 10 di sera un SUV Volvo di Uber a guida automatica stava percorrendo una strada ad alto scorrimento di Tempe, città a sud-est di Phoenix. A bordo dell’automobile, che viaggiava in modalità autonoma a circa 65 chilometri orari, c’era solamente l’autista incaricato di intervenire nel caso di un comportamento non previsto da parte dell’auto. A metà di un isolato, in un punto senza strisce pedonali, una donna di 49 anni ha iniziato ad attraversare la strada spingendo a mano la propria bicicletta. L’auto di Uber non ha fatto in tempo a rilevare il pericolo e a frenare, travolgendola. I soccorritori l’hanno portata in ospedale, dove la donna è morta a causa delle gravi ferite subite nell’incidente.

Nei giorni dopo l’incidente, la polizia aveva spiegato che difficilmente si sarebbe potuto evitare l’incidente, anche nel caso di un essere umano alla guida. In entrambe le circostanze l’auto non avrebbe avuto lo spazio necessario per frenare e fermarsi, evitando la persona in mezzo alla strada. Il video sembra confermare questa versione: la donna era in un cono d’ombra tra due lampioni ed è diventata visibile quando ormai era troppo tardi. Nel video diventa evidente un paio di secondi prima dell’incidente, ma ora bisognerà chiarire se gli altri sensori dell’automobile, che rilevano le cose davanti all’auto anche al buio, abbiano funzionato nel modo corretto. Si dovrà inoltre chiarire se l’autista a bordo del veicolo si sia comportato come richiesto da Uber, considerato che appare distratto e senza gli occhi sulla strada in vari momenti prima dell’investimento.

Il video è solo una parte della grande quantità di dati raccolti dall’automobile di Uber, che potranno essere analizzati per ricostruire l’incidente e accertare eventuali responsabilità. Oltre alla polizia di Tempe, alle indagini partecipano l’agenzia per la sicurezza dei trasporti degli Stati Uniti e quella per la sicurezza stradale. Uber ha dato la propria piena collaborazione e ha sospeso i test delle sue automobili che si guidano da sole in altre città dell’Arizona e degli Stati Uniti, in attesa di chiarire la vicenda.

Mostra commenti ( )