• Sport
  • lunedì 12 marzo 2018

Come è stato ricordato Davide Astori

Il racconto per immagini di come ieri tutta la Serie A ha ricordato il capitano della Fiorentina

I giocatori di Inter e Napoli durante l'omaggio a Davide Astori (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

La 28ª giornata di campionato è stata la prima giocata dopo la morte di Davide Astori, avvenuta nella notte tra sabato 3 e domenica 4 marzo per un arresto cardiaco in un albergo di Udine. La Serie A e le venti squadre che la compongono lo hanno ricordato a poche ore di distanza dai funerali di giovedì, organizzando un minuto di silenzio su tutti i campi, con i giocatori delle squadre abbracciati in campo. Sulle maniche delle maglie di tutti i calciatori del campionato è stato stampato un messaggio, “Ciao Davide”. Lo stesso è stato fatto nelle partite di Serie B.

Mauro Icardi con la fascia da capitano dedicata ad Astori durante Inter-Napoli (Emilio Andreoli/Getty Images)

Il ricordo di Astori sulla manica di Dries Mertens (MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images)

I giocatori di Juventus e Udinese abbracciati a centrocampo (MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

I momenti più intensi sono stati a Firenze, la città per cui Astori giocava e in cui abitava da due anni. In uno stadio Artemio Franchi quasi completamente esaurito, nonostante la pioggia battente e l’assenza di coperture, Fiorentina e Benevento sono state accolte in campo dal silenzio del pubblico, che è culminato in un intenso minuto di silenzio prima dell’inizio della partita.

Al tredicesimo minuto di gioco – tredici come il numero di Astori – l’arbitro ha fermato il gioco per un ultimo ricordo dell’ex capitano. La Fiorentina ha poi battuto il Benevento 1-0 grazie a un gol del difensore brasiliano Vitor Hugo.

La coreografia della Curva Fiesole al tredicesimo minuto di Fiorentina-Benevento (Gabriele Maltinti/Getty Images)

Vitor Hugo mostra al pubblico una maglia con una fotografia di Astori dopo il gol della vittoria (CLAUDIO GIOVANNINI/AFP/Getty Images)

Al fischio finale, quasi come una liberazione, tutti i giocatori della Fiorentina sono crollati a terra piangendo, e così hanno fatto anche alcuni del Benevento. Tanti dei giocatori scesi in campo, soprattutto quelli della Fiorentina più legati ad Astori, non erano ancora nelle condizioni di giocare, come ha detto nel dopopartita il difensore argentino German Pezzella.

Milan Badelj, capitano della Fiorentina, a terra dopo il fischio finale (CLAUDIO GIOVANNINI/AFP/Getty Images)

Anche a Cagliari, nella città in cui Astori aveva giocato per la maggior parte della sua carriera, prima e durante Cagliari-Lazio ci sono state diverse coreografie in sua memoria.

Uno striscione per Astori dei tifosi del Cagliari (Marco Rosi/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.