«Non si può fermare il vento con le mani»

Il Movimento 5 Stelle merita di andare al governo, ha detto Luigi Di Maio in una lettera a Repubblica, e gli altri partiti devono farsene una ragione

Luigi Di Maio a Roma, il 2 marzo (AP Photo/Andrew Medichini)

Con una lettera pubblicata oggi da Repubblica, il candidato presidente del Consiglio del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio è tornato a chiedere che le altre forze politiche sostengano un suo governo.

Di Maio ripete nella lettera quello che aveva già detto poche ore dopo il voto di domenica, parlando del successo del Movimento 5 Stelle in tutta Italia (che è stato il partito più votato) e sull’inizio di quella che lui chiama la “Terza Repubblica, che sarà la Repubblica dei Cittadini”.

Gentile direttore,

come ho avuto modo di dire a caldo commentando i risultati, con il voto del 4 marzo è iniziata la Terza Repubblica, che sarà la Repubblica dei Cittadini. La portata di questo voto è immensa e segna uno spartiacque con tutto quello che è venuto prima. Forse ancora non ne apprezziamo del tutto l’importanza, soprattutto per quanto inciderà sugli anni a venire. Ma una cosa è sicura. Da qui non si torna più indietro.

Di Maio spiega quindi quali saranno le priorità del Movimento 5 Stelle nella prossima legislatura e presenta il suo partito come l’unico che è stato in grado di ascoltare le richieste degli elettori, dicendo che quello di domenica non è stato un voto di protesta ma un voto programmatico.

Dieci milioni di poveri non possono essere ignorati. 30 miliardi di sprechi non possono non essere eliminati. Una tassazione folle per le imprese non può non essere ritoccata. La sicurezza nelle città giorno e notte non può non essere garantita. La disoccupazione, soprattutto giovanile, non può continuare a dilagare. Questo è il messaggio che arriva forte e chiaro dalle urne.

Non è stato un voto ideologico, così come non è stato un voto di protesta. È stato un voto programmatico e i punti principali sono quelli sinteticamente ricordati sopra. Abbiamo ascoltato il Paese e messo al centro del dibattito elettorale questi temi, proponendo non solo le ricette, ma anche le persone che possono realizzarle.

Nella seconda parte della lettera, Di Maio dice chiaramente – come aveva già fatto – che la sua intenzione è guidare un governo e che è disposto a dialogare con gli altri partiti per trovare un’alleanza che lo sostenga: ma non si capisce precisamente cosa offra agli altri partiti in termini di compromessi possibili sui punti del suo programma, e quindi perché questi dovrebbero sostenerlo.

Sento tutta la responsabilità di fronte a questa apertura di credito da parte dei cittadini e non intendo sottrarmi agli oneri che ne derivano. Ho detto in ogni città dove sono stato in campagna elettorale che il governo per noi si sarebbe potuto fare in base a convergenze sui temi ed è la linea che intendo portare avanti in totale trasparenza di fronte ai cittadini e al capo dello Stato. Tutte le forze politiche devono manifestare responsabilità in tal senso. Non è possibile che ora inizino teatrini, che si avviino giochi di palazzo e strategie alla House of Cards. Adesso è il momento di fare le cose che aspettiamo da 30 anni e lo si può fare solo cambiando metodo. La politica deve smetterla di essere arrogante e deve iniziare ad essere umile. Tre sono gli ingredienti che suggeriamo in base alla nostra esperienza: 1) partecipazione, 2) ascolto, 3) trasparenza.

Le risposte alla lettera di Di Maio le potete leggere qui, nel liveblog di oggi sulle elezioni.

Dopo aver parlato ancora di quella che lui chiama la “Terza Repubblica” e di quello che significa – fa vagamente riferimento a un maggior coinvolgimento dei cittadini nei processi decisionali – Di Maio torna a chiedere agli altri partiti di sostenere un suo futuro governo, presentando la cosa con una certa ineluttabilità binaria: da una parte ci sono gli interessi dei cittadini, e sono sicuramente quelli in base a cui il Movimento 5 Stelle e solo il Movimento 5 Stelle è stato votato, dall’altra quelli dei partiti.

Per decenni i partiti hanno messo al centro i loro interessi, per decenni la formazione dei governi è avvenuta con il bilancino per accontentare gli appetiti dell’uno e dell’altro. L’obbiettivo erano sempre e soltanto le poltrone, mai gli interessi dei cittadini. Questo è il passato. Ora i tempi sono maturi per mettere al centro i temi che interessano i cittadini, il loro bene, la qualità della loro vita. Li hanno lasciati ai margini, noi ora i cittadini li rimettiamo al centro. Il governo sarà con chi, insieme a noi, è pronto a fare la stessa cosa. È una “rivoluzione copernicana” della politica che il MoVimento 5 Stelle invoca da sempre e per la quale i cittadini ci hanno dato un mandato chiaro. “Partecipa. Scegli. Cambia.” era quello che abbiamo chiesto ai cittadini, loro hanno partecipato e hanno scelto. Ora insieme abbiamo la storica occasione di cambiare l’Italia. Io non voglio perderla e chi ha scelto di ostacolare a tutti i costi il cambiamento faccia pure, ma sappia che non si può fermare il vento con le mani e che noi nonostante tutto cambieremo l’Italia.

Mostra commenti ( )