I risultati delle elezioni a Macerata

Ha vinto il centrodestra, con la Lega primo partito della coalizione, ma il Movimento 5 Stelle ha preso il 30 per cento

Un seggio di Macerata, 4 marzo 2018 (ANSA)

A Macerata, città di cui si è molto parlato nelle ultime settimane e dove lo scorso 10 febbraio è stata organizzata una manifestazione antifascista in seguito all’attentato fatto da Luca Traini, che il 3 febbraio sparò dalla sua auto a diverse persone africane, ha votato il 77,09 per cento degli aventi diritto contro il 78,61 per cento di cinque anni fa.

Leggi anche: I risultati reali delle elezioni politiche

Lo spoglio è quasi terminato, con 251 sezioni scrutinate su 270, e la coalizione che all’uninominale ha preso il maggior numero di voti è quella di centrodestra: Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Noi con l’Italia hanno ottenuto per ora il 37,9 per cento circa e la Lega è, all’interno della coalizione, il partito più votato (oltre il 21 per cento, con più di undici punti di distacco da Forza Italia). Il Movimento 5 Stelle è arrivato al 31,8 per cento e la coalizione di centrosinistra guidata dal PD ha superato di poco il 23 per cento (il PD ha ottenuto circa il 20 per cento). Seguono Liberi e Uguali (2,5 per cento circa), CasaPound (1,2 per cento circa), il Popolo della Famiglia (1 per cento circa) e Potere al Popolo (poco meno dell’1 per cento).

I risultati del plurinominale alla Camera (con 640 sezioni scrutinate su 769) nel collegio Marche 1 in cui era compresa anche Macerata sono questi: il centrodestra è al 35,5 per cento circa, il M5S al 35,4 per cento e il centrosinistra al 21,8 per cento. Al Senato il Movimento 5 Stelle è stato invece il partito più votato con il 35,1 per cento, seguito dalla coalizione di centrodestra quasi al 33 e dal centrosinistra al 24,5.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.