• Mondo
  • lunedì 29 gennaio 2018

Si è dimesso Andrew McCabe, il vicedirettore dell’FBI

Andrew McCabe, vicedirettore dell’FBI, si è dimesso, e ha fatto sapere che le dimissioni avranno effetto immediato.
Rimarrà in congedo fino a marzo, e a marzo andrà in pensione.
McCabe ha 49 anni, ed era vicedirettore dell’agenzia dal febbraio del 2016. Dopo il licenziamento di James Comey ne era stato anche brevemente direttore.
Aveva recuperato il suo ruolo di vicedirettore dopo la nomina a direttore di Christopher Wray.
Andrew McCabe, democratico, era stato più volte criticato da Donald Trump per non aver approfondito a sufficienza – secondo Trump – l’indagine sulle mail di Hillary Clinton, e per il suo coinvolgimento nell’investigazione sul caso Russia.
La portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders ha però detto che la decisione di McCabe non è stata conseguenza di pressioni da parte di Trump.
Il nuovo vicedirettore dell’FBI sarà David Bowdich, un agente dell’FBI che aveva diretto l’intervento dell’agenzia durante l’attentato di San Bernardino.

Andrew McCabe (Chip Somodevilla/Getty Images)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.