(AP Photo/Hussein Malla)
  • Mondo
  • martedì 21 Novembre 2017

Saad Hariri è tornato in Libano

Il primo ministro libanese, che si era inaspettatamente dimesso mentre era in Arabia Saudita, è atterrato ieri sera a Beirut dopo due settimane di confusione e incertezze

(AP Photo/Hussein Malla)

Saad Hariri, primo ministro libanese che aveva annunciato inaspettatamente le sue dimissioni dall’Arabia Saudita lo scorso 4 novembre, è tornato martedì sera in Libano. Hariri è atterrato a Beirut, la capitale libanese, dopo essersi incontrato a Parigi con il presidente francese Emmanuel Macron e al Cairo con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. Hariri aveva lasciato il Libano più di due settimane fa: per la maggior parte del tempo era stato in Arabia Saudita.

Il primo ministro libanese Saad Hariri arriva all’aeroporto internazionale di Beirut, in Libano, la sera del 21 novembre (FADEL ITANI/AFP/Getty Images)

Molti politici libanesi, esperti e analisti sostengono che le dimissioni di Hariri siano state forzate dalla famiglia reale saudita, che da diverso tempo ha un legame particolare e di amicizia con la famiglia di Hariri. Non è chiaro il motivo delle dimissioni: in un messaggio trasmesso dall’Arabia Saudita, Hariri aveva detto di temere per la sua vita e aveva accusato molto duramente le intromissioni nella politica libanese di Hezbollah, gruppo estremista sciita alleato con l’Iran, che a sua volta è il principale nemico regionale dei sauditi. Non è chiaro se in questo momento Hariri sia ancora il primo ministro del Libano: nei giorni scorsi il presidente libanese Michel Aoun – vicino ad Hezbollah – aveva detto che non avrebbe accettato le dimissioni a meno che non gli fossero state consegnate di persona.

Le dimissioni di Hariri avevano provocato confusione e incertezza in Libano, un paese che ha una lunga storia di intromissioni e ingerenze di altri stati nei propri affari interni. C’erano state diverse manifestazioni di sostegno ad Hariri, per esempio, e molte critiche al comportamento dell’Arabia Saudita. Ieri il ritorno di Hariri a Beirut è stato celebrato dai suoi sostenitori per le strade della capitale.

Sostenitori del primo ministro libanese Saad Hariri festeggiano il suo ritorno in Libano. Beirut, 21 novembre 2017 (FADEL ITANI/AFP/Getty Images)

Le ultime mosse saudite in Libano sembrano fare parte della nuova politica estera saudita guidata da Mohammed bin Salman, giovane e ambizioso principe ereditario, che vorrebbe cominciare ad adottare un comportamento molto più aggressivo nei confronti dell’Iran, acerrimo nemico dei sauditi: secondo diversi analisti, comunque, finora non sembra aver avuto grande successo.