• Italia
  • venerdì 10 novembre 2017

Il video a Nemo di Daniele Piervincenzi, il giornalista picchiato a Ostia

È stato trasmesso il servizio per cui si è preso una testata e lui è stato ospite in studio

Ieri sera, il programma tv Nemo – che va in onda su Rai Due – ha mostrato il servizio che contiene l’aggressione subita a Ostia dal giornalista Daniele Piervincenzi e dal suo cameraman, mentre stavano intervistando Roberto Spada: fratello di Carmine Spada, condannato in primo grado nel giugno 2016 per estorsione con l’aggravante del metodo mafioso. Piervincenzi è anche stato ospite in studio. Ha detto: «In quello che avete visto non c’è niente di eroico, io ero lì per fare domande, anche banali. Domande di politica». Ha però aggiunto che, per certe persone, «parlare di politica è una provocazione».

Piervincenzi stava facendo a Spada alcune domande sul suo appoggio a un candidato di CasaPound alle elezioni di Ostia, quando Spada lo ha colpito con una testata. Il 9 novembre, il giorno dopo l’aggressione, Spada è stato messo in stato di fermo.

Il servizio trasmesso ieri da Nemo si apre raccontando le elezioni di Ostia e il 9 per cento dei voti ottenuti da CasaPound. Seguono incontri e interviste con diversi abitanti di Ostia ed esponenti di CasaPound. Il momento con Spada arriva dopo circa dieci minuti.

Il servizio integrale di Daniele Piervincenzi ed Edoardo AnZè sulle elezioni di Ostia, ora su Rai Play

Posted by Nemo – nessuno escluso on Donnerstag, 9. November 2017

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.