Il confronto tra l'attuale e la precedente ricetta della Nutella in Germania (Verbraucherzentrale Hamburg)

La ricetta della Nutella è cambiata

Le percentuali di latte scremato in polvere e quella di zuccheri sono aumentate, quella di grassi è diminuita, ma quelle di caco e nocciole sono rimaste le stesse

Il confronto tra l'attuale e la precedente ricetta della Nutella in Germania (Verbraucherzentrale Hamburg)

La settimana scorsa un’associazione di consumatori tedesca ha segnalato una modifica nella ricetta della Nutella, la crema spalmabile alla nocciola prodotta da Ferrero. Dopo le segnalazioni di alcuni consumatori, secondo cui il colore della Nutella ultimamente era cambiato, la Verbraucherzentrale di Amburgo ha confrontato le etichette sui barattoli attualmente in commercio con altre più vecchie e si è accorta che sono cambiate le percentuali del latte scremato in polvere, degli zuccheri e dei grassi.

La percentuale di latte scremato in polvere e quella di zuccheri sono aumentate, passando rispettivamente dal 7,5 all’8,7 per cento e dal 55,9 al 56,3 per cento; quella di grassi è diminuita, passando dal 31,8 al 30,9 per cento.

Ferrero hat seit vielen Jahren zum ersten Mal erkennbar die Rezeptur von Nutella geändert. Der Anteil an…

Posted by Verbraucherzentrale Hamburg on Donnerstag, 2. November 2017

Diversi tedeschi si sono lamentati della modifica nella ricetta perché secondo la Verbraucherzentrale l’aumento della percentuale di latte in polvere corrisponde a una diminuzione della percentuale di cacao. Questa ipotesi non è verificabile solo osservando le etichette dei barattoli di Nutella, perché la lista degli ingredienti non riporta la percentuale di cacao. Ferrero ha confermato che la ricetta è stata cambiata sia in Germania che in Francia, e al Post ha detto che il contenuto di nocciole e cacao all’interno della Nutella venduta in Italia non è cambiato. Dallo scorso agosto però il siero di latte è stato sostituito con un’equivalente quantità di latte scremato in polvere, che quindi, essendo già presente tra gli ingredienti, è passato dall’essere pari al 6,6 per cento all’8,7.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.