WhatsApp sta cambiando i suoi emoji

Avrà delle faccine originali, dopo aver usato per anni quelle degli altri; ma comunque sono molto simili a quelle degli altri

WhatsApp – l’app di messaggi di proprietà di Facebook usata da almeno un miliardo di persone al mondo – ha creato degli emoji personalizzati, dopo che per anni ha usato quelli creati da altre società come Apple, Google o Samsung. I nuovi emoji non sono ancora disponibili per tutti gli utenti ma sono stati notati da molti, per esempio dal blog Emojipedia. Sono una versione beta, preliminare: non si sa ancora quando – e in realtà nemmeno se – i nuovi emoji diventeranno disponibili per tutti.

Come ha scritto il Guardian, «i nuovi emoji sono molto simili a quelli di Apple, che WhatsApp ha usato in precedenza anche su dispositivi non iOS» e le differenze sono minime, evidenti solo in alcuni emoji. Facebook e WhatsApp non hanno per ora commentato la cosa, ma secondo diversi esperti WhatsApp vuole svincolarsi da possibili problemi di diritti d’autore con Apple. Per farla facile, avendo i suoi emoji WhatsApp non rischierebbe di dover pagare altri per poter usare i loro emoji. Emojipedia ha scritto che l’approccio usato da WhatsApp sembra essere stato qualcosa di simile a “prendete gli emoji di Apple e cambiateli quel tanto che basta per poter dire che siano nostri”. Le differenze principali si notano nell’emoji del clown, in quello della cacca, in quello delle ballerine e nella faccina con gli occhi a cuore (nella versione beta i cuori sono più grandi).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.