Cavani e Neymar discutono sul dischetto di rigore (CHRISTOPHE SIMON/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • lunedì 18 settembre 2017

I video dei litigi in campo tra Cavani e Neymar

Durante la partita di ieri contro il Lione hanno avuto spesso da ridire, in modo molto plateale e un po' ridicolo

Cavani e Neymar discutono sul dischetto di rigore (CHRISTOPHE SIMON/AFP/Getty Images)

Domenica sera il Paris Saint-Germain ha battuto 2-0 il Lione in Ligue 1, ottenendo così l’ottava vittoria nelle sue ultime otto partite, che sono anche tutte quelle giocate dalla squadra nella stagione da poco iniziata. Il PSG ha vinto grazie a due autogol, una deviazione su tocco di Edinson Cavani e un rimpallo fra portiere e difensore del Lione su azione di Kylian Mbappe. Neymar, il terzo attaccante in campo del PSG, non ha segnato ma di lui si sta parlando comunque per via dei litigi avuti in campo con il suo compagno di squadra Cavani, uno dei giocatori da più tempo al PSG e considerato tra i più forti della rosa.

Nel secondo tempo della partita, quando il PSG doveva battere un calcio di punizione per un fallo su Neymar, Cavani ha cercato di prendere la palla dalle mani di Dani Alves, il quale però l’ha stretta e poi consegnata rapidamente a Neymar per fare battere a lui il calcio di punizione. Poi, a circa dieci minuti dalla fine, al PSG è stato concesso un rigore per un fallo in area su Mbappe: Neymar è rimasto a lungo a fianco al dischetto, dove Cavani – che tira abitualmente i rigori per il PSG – si stava apprestando a batterlo. I due si sono parlati brevemente fino a quando Neymar si è allontanato visibilmente contrariato. Cavani ha poi sbagliato il rigore.

Dani Alves e Neymar sono stati acquistati dal PSG quest’estate ed entrambi fanno parte della Nazionale brasiliana, oltre ad aver giocato insieme per tre anni nel Barcellona. Dani Alves è stato acquistato circa un mese prima di Neymar e sembra sia stato importante nel convincere quest’ultimo a trasferirsi a Parigi dal Barcellona.

In serata Cavani è stato visto lasciare lo stadio Parco dei Principi di Parigi appena venti minuti dopo il fischio finale, e nel farlo ha evitato di passare per la zona riservata alle interviste.

Fin qui l’inizio di stagione del PSG non avrebbe potuto essere migliore, fra la vittoria in Supercoppa di Francia ad agosto, le sei vittorie di fila in Ligue 1 — in cui ha segnato addirittura 21 gol, quattro in più del secondo miglior attacco del campionato — e il 5-0 con cui ha vinto la prima partita dei gironi di Champions League in casa del Celtic Glasgow. Ma ora sembra essere alle prese con alcuni problemi disciplinari: quelli fra i suoi attaccanti e le ultime vicende che riguardano il terzino Layun Kurzawa, che recentemente ha denunciato due ricattatori che, secondo la stampa francese, sarebbero entrati in possesso di un video in cui il calciatore è stato ripreso in un bar di Parigi mentre insultava Didier Deschamps, allenatore della Nazionale francese.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.