Lo studio di Lebrel (Jose Manuel Pedrajas)

Lavorare sotto a un ponte

A Valencia, un designer spagnolo ha costruito una specie di studio sospeso tra le travi e i pilastri di un grosso cavalcavia

Lo studio di Lebrel (Jose Manuel Pedrajas)

Sotto a uno dei tanti cavalcavia di Valencia, il designer spagnolo Fernando Abellanas (in arte Lebrel) ha allestito in due settimane uno studio dotato di tavolo da lavoro, illuminazione, sedia, mensole per appoggiare alcune foto, pochi libri, un cuscino e anche una coperta.

studio-designer-ponte-3

L’intento di Abellanas, che preferisce non indicare il punto preciso in cui ha allestito il suo studio, è quello di dare valore a questo genere di spazi, di cui spesso ci si dimentica, considerandoli luoghi inutili o inutilizzabili.

studio-designer-ponte-9

Come si vede bene in un video realizzato da Abellanas, la struttura dello studio non è fissa: è composta da una specie di carrello sospeso tra le travi di calcestruzzo del ponte. Partendo da uno dei due estremi del ponte dove il terrapieno arriva quasi al livello della strada, facendo spostare il carrello lungo le travi si raggiunge uno dei pilastri del ponte, su cui sono montati un tavolo e una seggiola. A quel punto il carrello diventa il pavimento dello studio.

«È anche un modo» spiega Abellanas, «per riscoprire quella sensazione di capanna con la quale giocavamo da bambini, nascondendoci sotto a un tavolo, nascosti dalla tovaglia. Per starcene isolati, ma allo stesso tempo vicini alla nostra casa, la città».