Fabio Cimaglia / LaPresse

Enrico Costa si è dimesso da ministro per gli Affari Regionali

Ha detto che non vuole «creare problemi al governo», dopo le recenti divergenze sull'approvazione dello "ius soli"

Fabio Cimaglia / LaPresse

Enrico Costa, deputato di Alternativa Popolare (AP), il partito guidato da Angelino Alfano, si è dimesso da ministro per gli Affari Regionali con una lettera inviata oggi al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Costa ha spiegato la sua decisione con le divergenze tra lui e il governo e lamentando le molte critiche ricevute per le sue posizioni, non in linea con quelle della maggioranza di governo. Secondo Repubblica, il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni assumerà le deleghe di Costa, che era ministro senza portafoglio (cioè senza una struttura ministeriale alle spalle).

Pochi giorni fa, Costa aveva minacciato di dimettersi in caso di approvazione dello ius soli. Anche in seguito alle sue protesta e a quella di altri parlamentari di Alternativa Popolare, l’approvazione della legge da parte del Senato è stata rimandata al prossimo autunno. Nella lettera, Costa ha scritto di non voler «creare problemi al governo» con le sue posizioni in dissenso con quelle del resto della maggioranza. AP ha ancora due ministri all’interno del governo: Angelino Alfano agli esteri e Beatrice Lorenzin alla Salute.

I giornali scrivono che le dimissioni di Costa era attese da diversi giorni e che in molti sospettano che l’ex ministro possa decidere adesso di aderire a Forza Italia. Alfano ha accolto con una certa freddezza le dimissioni di Costa, che ha definito «inevitabili e tardive», aggiungendo che aspettava da diversi giorni che Costa facesse questa mossa.

Il caso di Costa è soltanto l’ultimo manifestazione della crescente distanza che il partito di Alfano mostra nei confronti del PD, un segno, secondo molti, di una possibile riconciliazione con Silvio Berlusconi e Forza Italia, dopo la frattura dell’autunno 2013, che portò alla scissione del principale partito di centrodestra. Ad esempio, martedi, Maurizio Lupi, ex ministro e capogruppo di AP alla Camera, ha detto che con il PD, con cui AP governa oramai da quattro anni, «non c’è mai stata un’alleanza politica».

Un tentativo di riavvicinamento tra le forze centriste di AP e Forza Italia è in corso anche in Sicilia, dove si voterà il prossimo novembre per le elezioni regionali. Si tratta dell’unica regione dove AP e i suoi alleati possono contare su discrete percentuali di voti. Un candidato presidente appoggiato sia dai centristi che da Forza Italia avrebbe ottime probabilità di battere il Movimento 5 Stelle che, secondo molti osservatori partirà favorito. Vincere in Sicilia sarebbe un buon segnale per il centrodestra, che alle ultime amministrative ha già ottenuto ottimi risultati.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.