Rocco Schirripa al Palazzo di Giustizia di Milano, il 17 maggio 2017 (ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO)
  • postit
  • lunedì 17 luglio 2017

Rocco Schirripa è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio del procuratore Bruno Caccia, avvenuto il 26 giugno 1983

Rocco Schirripa al Palazzo di Giustizia di Milano, il 17 maggio 2017 (ANSA/ DANIEL DAL ZENNARO)

Rocco Schirripa, uomo di 64 anni di origini calabresi, è stato condannato in primo grado all’ergastolo per l’omicidio del procuratore Bruno Caccia, avvenuto il 26 giugno 1983. La sentenza è stata pronunciata oggi dalla Corte d’Assise di Milano. Quello di Caccia, magistrato che allora era a capo della procura di Torino, è stato uno dei casi più famosi degli anni Ottanta, anche perché rimasto parzialmente irrisolto: fino a oggi era stato arrestato e condannato solo il mandante dell’omicidio – Domenico Belfiore, uno dei principali esponenti della ‘ndrangheta a Torino – ma mai gli esecutori.

Leggi anche: Il caso Bruno Caccia, dall’inizio

Schirripa era stato arrestato nel dicembre 2015. Il suo arresto era stato ordinato dopo alcune intercettazioni ambientali nella casa di Belfiore, che dopo avere trascorso oltre trent’anni di prigione nel giugno 2014 è stato scarcerato per motivi di salute.

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.