La "Big Maple Leaf" al Bode Museum di Berlino, in una foto scattata nel 2010 (MARCEL METTELSIEFEN/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • giovedì 13 luglio 2017

La polizia tedesca ha arrestato i ladri di quella moneta d’oro da 100 chili

E questa è la buona notizia; la cattiva è che ci sono poche possibilità di ritrovare la moneta, che valeva 3,8 milioni di euro

Ieri la polizia tedesca ha arrestato quattro persone per il furto di una moneta d’oro da 100 chilogrammi da un museo di Berlino, avvenuto lo scorso marzo. L’operazione ha coinvolto 300 poliziotti e membri delle forze speciali, armati e con il volto coperto dai passamontagna, ed è stata compiuta nel quartiere di Neukölln, nel sud-est di Berlino. Del furto si era parlato molto sulla stampa nazionale e internazionale, sia perché la moneta – conosciuta con il nome “Big Maple Leaf” – aveva un valore stimato di 3,8 milioni di euro, sia perché non si era capito come avessero fatto i ladri a trasportare fuori dall’edificio un oggetto da 100 chili, eludendo tutti i sistemi di sicurezza e dopo essere entrati nell’edificio con una scala a pioli.

Berlino

La polizia ha detto che le quattro persone arrestate sono tutti uomini tra i 18 e i 20 anni senza precedenti penali. Tre di loro erano però già stati associati ad attività criminali, mentre il quarto era una guardia del museo che aveva iniziato a lavorare una settimana prima del furto. Carsten Pfohl, un portavoce della polizia di Berlino, ha detto che ci sono poche possibilità di ritrovare la moneta, che probabilmente è già stata fusa e venduta a un compratore: «Il crimine è stato troppo sofisticato per aspettarci di ritrovare la moneta», ha detto Pfhol. La polizia ha aggiunto di avere sequestrato diversi veicoli, quattro fucili, una rilevante quantità di denaro e vestiti e scarpe che potrebbero contenere tracce di oro provenienti dalla moneta. Altre nove persone sono indagate, tra cui alcuni membri di un’organizzazione criminale di Berlino.

La “Big Maple Leaf” era stata rubata tra le 3.20 e le 3.50 della mattina del 27 marzo. I ladri avevano usato una scala a pioli per entrare dalla finestra dal lato del Museo Bode che dà sui binari ferroviari. Poi avevano frantumato la teca antiproiettile che proteggeva la moneta, la quale era stata trasportata con una carriola fino a un’auto parcheggiata lì vicino. La natura del furto aveva fatto sospettare fin da subito della complicità di una guardia del museo. La “Big Maple Leaf” è canadese, ha un ritratto della regina Elisabetta da un lato e una foglia d’acero dall’altro, un diametro di 53 centimetri e uno spessore di 3. Era stata emessa nel 2007 dalla Royal Canadian Mint, la Zecca canadese, ed era stata citata nel libro del Guinness dei primati per il suo grado di purezza “senza precedenti”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.