Aree costiere delle Bahamas (Thomas Pesquet / ESA)
  • Scienza
  • mercoledì 12 luglio 2017

Siamo bellissimi, da sopra

Le foto più belle pubblicate negli ultimi mesi dall'Agenzia Spaziale Europea e dall'astronauta Thomas Pesquet

Aree costiere delle Bahamas (Thomas Pesquet / ESA)

Il prossimo 28 luglio l’astronauta italiano Paolo Nespoli tornerà a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), nell’ambito della Expedition 52 insieme con l’astronauta statunitense Randy Bresnik e il cosmonauta russo Sergey Ryazansky. Per Nespoli sarà il terzo viaggio in orbita, a dieci anni dalla sua prima missione a bordo dello Space Shuttle Discovery (STS-120) per l’assemblaggio di alcuni moduli della ISS. Tra il 2010 e il 2011 è rimasto a bordo della Stazione per 157 giorni nell’ambito della missione MagISStra per conto dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), quando è diventato famoso – non solo tra gli appassionati di cose spaziali – per le sue fotografie della Terra, scattate dai punti di osservazione della ISS.

Negli ultimi anni l’ESA ha puntato molto sulle immagini della Terra realizzate dai suoi astronauti e satelliti per far conoscere le proprie attività, avvicinare più persone alla ricerca scientifica e promuovere una migliore consapevolezza della tutela dell’ambiente, soprattutto davanti alle sfide poste dal riscaldamento globale. La missione di Nespoli che sta per iniziare è stata preceduta da quella di Thomas Pesquet, astronauta francese che ha trascorso 196 giorni a bordo della ISS, realizzando numerosi esperimenti per valutare gli effetti della parziale assenza di gravità sull’organismo umano, in vista di missioni più elaborate per l’esplorazione dello Spazio. Nel tempo libero, Pesquet ha scattato magnifiche fotografie della Terra, cogliendo variopinti scenari naturali e la complessità delle grandi città.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.