• Mondo
  • martedì 4 luglio 2017

Jean-Claude Juncker ha detto che il Parlamento Europeo è «ridicolo»

Se l'è presa perché stamattina durante un dibattito col primo ministro maltese, presidente di turno dell'Unione, in aula non c'era quasi nessuno

Stamattina durante una discussione al Parlamento Europeo di Strasburgo, riunito in sessione plenaria, il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker se l’è presa molto perché in aula erano presenti solamente poche decine di europarlamentari. In programma c’era un dibattito conclusivo sui sei mesi di Malta alla presidenza del Consiglio europeo, che viene gestita a turno dai paesi dell’Unione (dall’1 luglio l’incarico è passato all’Estonia). Al dibattito erano presenti il primo ministro maltese Joseph Muscat, Juncker e diversi funzionari del Consiglio e della Commissione: eppure in aula c’erano «circa una trentina» di parlamentari, come ha notato lo stesso Juncker, che ha parlato all’inizio della discussione.

«Il Parlamento Europeo è ridicolo. Molto ridicolo», ha detto Juncker, che ha proseguito ipotizzando che probabilmente l’aula sarebbe stata piena se fossero stati presenti la cancelliera tedesca Angela Merkel o il presidente francese Emmanuel Macron. A quel punto il presidente del Parlamento Antonio Tajani ha rimproverato Juncker, chiedendogli di tenere «un atteggiamento più rispettoso».

Il litigio è proseguito ancora per qualche secondo: Juncker ha accusato di nuovo il Parlamento – «siete ridicoli!» – e Tajani l’ha rimproverato una seconda volta, poi Juncker ha concluso dicendo che non parteciperà «mai più» a un dibattito di questo tipo.

Questa è la scena che si è trovato davanti Juncker durante il suo discorso. I seggi degli europarlamentari, in effetti, sono praticamente deserti: i banchi da dove ha parlato Juncker e quelli davanti a lui sono riservati ai funzionari della Commissione (a sinistra) e del Consiglio (a destra). In totale il Parlamento Europeo ha 750 seggi.

parlamento

Le sedute plenarie, che si tengono nella sede di Strasburgo, sono le più importanti del Parlamento Europeo: sono il momento in cui si tengono le votazioni e i dibattiti principali, e la partecipazione dei parlamentari è solitamente molto alta (anche perché si tengono solo una volta al mese). Dato che per qualche giorno parlamentari, funzionari e giornalisti si trovano in un solo posto, le giornate degli europarlamentari sono dense di riunioni, conferenze stampa e incontri pubblici. Di conseguenza può capitare che ai dibattiti meno importanti siano presenti in aula solamente poche decine di parlamentari.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.