Fiori e scritte in ricordo delle tre sorelle morte nel rogo a Centocelle, Roma, 12 maggio 2017 (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)
  • postit
  • venerdì 2 giugno 2017

La polizia ha fermato un uomo con l’accusa di aver incendiato un camper a Centocelle e ucciso tre sorelle rom

Si chiama Serif Seferovic, ha vent'anni e la sua famiglia era in cattivi rapporti con quella della donna e delle due bambine

Fiori e scritte in ricordo delle tre sorelle morte nel rogo a Centocelle, Roma, 12 maggio 2017 (ANSA/MASSIMO PERCOSSI)

Si chiama Serif Seferovic, ha vent’anni ed è accusato di aver incendiato, verso le tre di notte del 10 maggio, un camper parcheggiato nel quartiere di Centocelle a Roma, e aver ucciso tre sorelle di 20, 4 e 8 anni: si chiamavano Elisabeth, Francesca e Angelica Halinovic. Tutte e tre erano di etnia rom, e vivevano nel camper insieme ai due genitori e ad altri otto tra fratelli e sorelle: nel momento dell’incendio nel veicolo i genitori non c’erano, mentre le altre persone sono riuscite a scappare o sono state salvate dai vigili del fuoco.

Il fermo è avvenuto a Torino dopo che era stato riconosciuto grazie alle telecamere di sicurezza, che mostrano un uomo che gli somiglia molto mentre lancia una bottiglia incendiaria contro il camper. Secondo gli investigatori la famiglia di Seferovic avrebbe dovuto lasciare il campo nomadi a causa dei cattivi rapporti con la famiglia Halinovic, da qui il tentativo di vendicarsi di Serif Seferovic. Repubblica scrive anche che l’uomo ha dei precedenti contro il patrimonio ed «era stato arrestato per il furto della borsa della studentessa cinese Zhang Yao morta poco dopo essere stata investita da un treno mentre inseguiva i suoi scippatori lo scorso dcembre a Roma».

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.