Nicole Kidman abbraccia il marito Keith Urban dopo la prima di The Killing of a Sacred Deer - 22 maggio 2017 (ANNE-CHRISTINE POUJOULAT/AFP/Getty Images)

Le foto di lunedì a Cannes

Andre Téchine, Miuccia Prada, Claudia Cardinale e ancora Nicole Kidman, che continua a farsi notare

Nicole Kidman abbraccia il marito Keith Urban dopo la prima di The Killing of a Sacred Deer - 22 maggio 2017 (ANNE-CHRISTINE POUJOULAT/AFP/Getty Images)

Nicole Kidman era già stata protagonista delle foto di domenica del festival di Cannes, quando aveva presentato insieme a Elle Fanning How to Talk to Girls at Parties, un film di fantascienza – e commedia romantica insieme – tratto dall’omonimo romanzo di Neil Gaiman. Oggi non è da meno per la prima di The Killing of a Sacred Deer, un thriller psicologico di Yorgos Lanthimos, il regista di The Lobster, dove recita insieme a Colin Farrell. Nel film Farrell è un chirurgo di successo con la classica famiglia felice, ma intrattiene un rapporto strano, anche se non sessuale, con un ragazzino di 16 anni: escono insieme come due amici e si invitano a cena l’un l’altro dalle rispettive famiglie. Il ragazzino però inizia a richiedergli prove e sacrifici minacciando punizioni soprannaturali se non verranno soddisfatti.

L’altro film in concorso presentato oggi è Happy End diretto dall’austriaco Michael Haneke – famoso per Funny Games, La pianista e Amour, con Jean-Louis Trintignant e Isabelle Huppert. Racconta di una famiglia alto-borghese di Cannes alle prese con la crisi di rifugiati e migranti in Europa riproponendo, scrive il Guardian, i temi più presenti nel lavoro di Haneke: «famiglie disfunzionali, vendette inter-generazionali, il soffocamento velenoso della colpa e il riemergere di quel che è stato oppresso».

C’è stata infine la premiere di Geu-Hu (Le jour d’après), diretto dal sudcoreano Hong Sang-soo e sempre in concorso per la Palma d’Oro. Racconta di una ragazza al suo primo giorno di lavoro in una casa editrice: è stata assunta al posto dell’amante del suo capo, Bongwan, che se n’è andata al termine della loro relazione. Mentre Bongwan pensa all’ex amante, la moglie trova una loro lettera d’amore e si precipita in ufficio, pensando che la responsabile sia la nuova ragazza.

Oggi è prevista anche una proiezione omaggio alla carriera di Nos Années Folles, l’ultimo film del celebre regista e sceneggiatore francese André Techiné. Racconta di Paul e Louise che si sposano poco prima che inizi la Prima guerra mondiale: dopo due anni al fronte Paul resta ferito, diserta e torna a casa da Louise, che per salvarlo dalla condanna a morte per tradimento lo traveste da donna e lo trasforma in una celebrità parigina. Continuano a vivere insieme così fino all’amnistia del 1925, quando Paul deve riprendere la vita in abiti maschili che aveva lasciato in sospeso.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.