I giocatori della Juventus festeggiano il secondo gl segnato al Crotone (LaPresse/Simone Ferraro)
  • Sport
  • domenica 21 Maggio 2017

Serie A, i risultati della 37ª giornata

La Juventus ha sconfitto il Crotone e ha matematicamente vinto il suo 33mo Scudetto, il Milan invece va in Europa League

I giocatori della Juventus festeggiano il secondo gl segnato al Crotone (LaPresse/Simone Ferraro)

La 37ª giornata di Serie A, la penultima di questa stagione, è iniziata sabato sera con il primo anticipo in programma, giocato alle 18 e vinto 5-3 dalla Roma in trasferta contro il Chievo Verona. Alle 20.45 Napoli e Fiorentina hanno disputato l’ultima partita del sabato: ha vinto il Napoli 4-1, stabilendo il nuovo record della società di punti in Serie A, 83, con una partita ancora da giocare. Le partite di oggi si giocheranno alle 15 e alle 20.45: nel pomeriggio la Juventus ha sconfitto 3-0 il Crotone ed ha ottenuto i tre punti che le mancavano per vincere matematicamente il campionato, il suo sesto di fila, cosa mai riuscita a nessun’altra squadra italiana. Il Milan, invece, si è qualificato ad una coppa europea dopo tre anni di assenza. L’ultimo incontro della giornata lo giocheranno lunedì sera Pescara e Palermo.

Sabato
18:00
Chievo – Roma 3-5
20.45
Napoli – Fiorentina 4-1

Domenica
15.00
Empoli – Atalanta 0-1
Genoa – Torino 2-1
Juventus – Crotone 3-0
Milan – Bologna 2-0
Sassuolo – Cagliari 6-2
Udinese – Sampdoria 1-1
20.45
Lazio – Inter

Lunedì
20.45
Pescara – Palermo

La prossima giornata sarà decisiva per la zona retrocessione. Pescara e Palermo sono già certe di finire in Serie B, mentre dopo i risultati di oggi Empoli e Crotone si giocheranno la permanenza in Serie A la prossima settimana. Il Genoa invece è salvo.

1) Juventus 88
2) Roma 84
3) Napoli 83
4) Lazio 70*
5) Atalanta 69
6) Milan 63
7) Fiorentina 59
8) Inter 56*
9) Torino 50
10) Sampdoria 48
11) Sassuolo 46
12) Udinese 45
13) Cagliari 44
14) Chievo 43
15) Bologna 41
16) Genoa 36
17) Empoli 32
18) Crotone 31
19) Palermo 23*
20) Pescara 14*

* = una partita in meno