Il giorno dopo l'incendio del deposito di rifiuti Eco X di via Pontina Vecchia, a Roma, il 6 maggio 2017 (ANSA/ANGELO CARCONI)
  • Italia
  • domenica 7 maggio 2017

Com’è la situazione con la nube di fumo a Roma

È stata causata dall'incendio di un deposito di rifiuti e si sta spostando da Pomezia verso nord, ma per ora non ci sono pericoli per la salute

Il giorno dopo l'incendio del deposito di rifiuti Eco X di via Pontina Vecchia, a Roma, il 6 maggio 2017 (ANSA/ANGELO CARCONI)

La nube di fumo causata dall’incendio di un deposito di rifiuti vicino a Pomezia, circa venti chilometri a sud di Roma, iniziato venerdì 5 maggio, si sta diffondendo verso la città Roma, dopo aver costretto gli abitanti di Pomezia a restare in casa con le finestre chiuse o a uscire con mascherine su naso e bocca per via del forte odore, che ricorda quello di pneumatici bruciati. Nello stabilimento andato a fuoco, l’Eco X, lungo la via Pontina, erano conservate balle di plastica e carta. L’Agenzia regionale per la protezione ambientale (ARPA) del Lazio ha analizzato alcuni campioni di aria nei comuni vicini all’incendio, Ciampino e Albano Laziale, e altri raccolti alle stazioni di monitoraggio ambientale di Cinecittà e Fermi a Roma: per ora non sono stati superati i livelli di guardia nella concentrazione di sostanze inquinanti nell’aria, quindi non ci sono rischi per la salute. I consigli della autorità sono di non aprire le finestre come cautela; sempre come misura di cautela le scuole sono state chiuse. Prossimamente l’ARPA analizzerà anche il suolo per capire se ci saranno rischi per le coltivazioni, e l’aria di Pomezia per stabilire la concentrazione di diossine.

Il tossicologo Paolo Soave, del Centro antiveleni del Policlinico Gemelli di Roma, ha detto a Next Quotidiano che non ci sono rischi di avvelenamento da fumi, anche se chi è stato a lungo vicino all’incendio potrebbe avere qualche irritazione alle vie respiratorie. Molte persone si sono presentate al pronto soccorso della clinica Sant’Anna di Pomezia per problemi respiratori.

Ieri i vigili del fuoco sono riusciti a spegnere completamente l’incendio, ma stanno ancora lavorando per raffreddare i materiali bruciati. La procura di Velletri ha aperto un’indagine per incendio colposo ma per ora non si sa nulla sulle sue cause: solo quando il sito sarà messo completamente in sicurezza potranno essere effettuate le perizie necessarie.

Lo scorso anno un gruppo di persone che abitano vicino a Eco X, organizzate nel Comitato di quartiere Castagnetta-Cinque Poderi, aveva scritto una lettera con allegate varie fotografie al sindaco di Pomezia Fabio Fucci, per esprimere preoccupazione sulle modalità di stoccaggio dei rifiuti. I vigili urbani di Pomezia trasmisero l’esposto dei cittadini al Nucleo Operativo Ecologico (NOE) dei carabinieri e all’ASL di Roma, ma non si sa se successivamente siano stati effettuati controlli sullo stabilimento.

Si era anche parlato della possibile presenza di amianto sul tetto dello stabilimento, ma sia l’amministratore delegato di Eco X Antonio Buongiovanni che ARPA hanno detto che non ce n’è. L’amministratore di Eco X ha detto: «Escludo che nel nostro stabilimento ci fossero rifiuti pericolosi. (…) Noi ritiriamo i rifiuti dai centri commerciali ed è assolutamente falso che ci sia amianto sul tetto visto che è di cemento».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.