• Italia
  • domenica 7 maggio 2017

Cosa viene a fare Barack Obama a Milano

Martedì terrà una conferenza durante il summit sul cibo Seeds&Chips, e riceverà le chiavi della città dal sindaco Beppe Sala

Barack Obama modera una tavola rotonda sulla costruzione dell'Obama Presidential Center, il 3 maggio a Chicago (Scott Olson/Getty Images)

L’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama sarà a Milano martedì 9 maggio, come relatore del Seeds&Chips, il summit sul cibo e l’innovazione organizzato dall’imprenditore Marco Gualtieri nel polo fieristico di Rho. I biglietti per partecipare all’evento sono esauriti: alla conferenza di Obama, che inizierà alle 14 e durerà 45 minuti, parteciperanno circa tremilacinquecento persone che hanno acquistato il biglietto “Vip Platinum”, che dà accesso alle quattro giornate di eventi al costo di 850 euro.

Oltre alla conferenza, gli appuntamenti di Obama a Milano prevedono un incontro con il sindaco Giuseppe Sala, che gli consegnerà le chiavi della città, e una cena a Palazzo Clerici, in cui tra gli altri parteciperà anche Matteo Renzi. Per motivi di sicurezza, l’agenda precisa dei suoi spostamenti è tenuta segreta.

La terza edizione del Seeds&Chips si terrà dall’8 all’11 maggio. Durante le quattro giornate dell’evento si alterneranno conferenze e incontri incentrati sul tema del cibo in rapporto allo sviluppo tecnologico. Anche in questa edizione verrà dato molto spazio ai giovani sotto i trent’anni e alle loro start up. Per questo, tutte le conferenze saranno introdotte da teenovator, adolescenti che racconteranno i loro sogni e le loro aspettative prima di presentare i relatori: la conferenza di Obama, alla quale parteciperà anche Sam Kass, chef e consigliere di Obama per le politiche alimentari alla Casa Bianca, sarà presentata da Morgane Kendregan, studentessa alla St. James Henderson di Milano.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.