I 10 ristoranti italiani preferiti dai lettori del Guardian

Il quotidiano britannico ha messo insieme una lista di consigli su dove mangiare quando si è in vacanza in Italia, ma dovete fidarvi di chi lo legge

Il quotidiano britannico Guardian ha chiesto ai suoi lettori di suggerire i loro ristoranti preferiti in Italia e ha messo insieme una lista di dieci posti. C’è solo un ristorante stellato: la maggior parte dei locali della lista sono trattorie o locali che vendono cibo di strada. Tre sono a Roma, due in Liguria, due in Campania, uno in Umbria, uno in Lombardia e uno in Toscana. Se vi fidate dei lettori del Guardian, questi sono posti da provare.

Er Buchetto, a Roma
Il primo dei consigli è per Er Buchetto. È un minuscolo locale di Roma – si trova in via del Viminale 2F, poco lontano dalla stazione Termini – famoso per i panini con la porchetta di Ariccia. Panino e bicchiere di vino costano meno di 5 euro.

Et stk med Lars Anja, per favore! 🍷🇮🇹✌🏻️

Un post condiviso da Daniel Rørbæk (@danielrorbaek) in data:

Antiche Sere Osteria Enoteca, a Bevagna
Il secondo consiglio dei lettori del Guardian è un locale definito «piccolo ma perfetto»: l’osteria ed enoteca Antiche Sere di Bevagna, un comune umbro vicino ad Assisi. All’interno ci sono quattro tavoli, altri quattro o cinque all’esterno quando fa bello. Sul menù ci sono molti piatti tipici umbri – il tartufo abbonda – ma anche numerosi piatti a base di pesce. La lettrice del Guardian che ha suggerito questo ristorante consiglia di provare una frittata con tartufo come antipasto, qualcosa a base di carne di piccione, coniglio o guanciale come piatto principale e un assaggio di ricotta con miele come dolce. I prezzi dei piatti principali sono intorno ai 10-15 euro.

#bevagna #umbrien #italy #sun #sky #food #streetfood #essen #cibo #ristorante

Un post condiviso da Elena Duca (@elenaduca.rm) in data:

Trattoria La Brinca, a Campo di Ne
La trattoria La Brinca invece si trova a Campo di Ne, in provincia di Genova, non sul mare. È consigliata per i piatti tipici liguri: ci sono dei menù di degustazione, uno dei quali vegetariano; costano 50 euro a persona, assaggi di diversi vini inclusi. Tra i piatti sono consigliati in particolare i ravioli di erbette “cu tuccu”, conditi con sugo di carne aromatico genovese oppure «con un filo d’olio locale», la Panella, cioè un castagnaccio salato aromatizzato con il finocchietto selvatico, e i piatti a base di carne, come la noce di vitellone e il maialetto a cottura lenta all’alloro con le castagne.

그런 산 속을 돌다보니 이런 식당이 있었네.

Un post condiviso da 날아라 원더영아 (@wonderyoungah) in data:

Oasis Sapori Antichi, a Vallesaccarda
Oasis Sapori Antichi è l’unico ristorante stellato della lista: ha una stella Michelin. Si trova a Vallesaccarda, un comune della provincia di Avellino, in Campania, poco lontano dall’autostrada Napoli-Bari. Serve i piatti tipici dell’Irpinia: pasta fatta a mano come i ravioli di ricotta, salsa di noci e aglio bruciato e quelli di burrata ed erbette, manteca campana e tartufo nero di Bagnoli Irpino; poi vari piatti di carne e baccalà. I gestori del ristorante organizzano anche il catering di eventi e matrimoni.

❄️💫

Un post condiviso da Oasis Sapori Antichi (@oasis_saporiantichi) in data:

Dar Filettaro, a Roma
Poco lontano da Campo de’ Fiori, vicino alla chiesa di Santa Barbara, in largo dei Librari 88, c’è un piccolo locale molto famoso tra i romani: Dar Filettaro. Sull’insegna, piuttosto datata, si legge “FILETTI DI BACCALÀ” e il menù comprende vari piatti tradizionali romani: puntarelle alla romana, pane con burro e alici, baccalà in pastella, fagioli all’olio e zucchine fritte. Dentro c’è poco posto e le tovaglie sono di carta; col bel tempo vale la pena mangiare fuori anche se non si può restare troppo a lungo visto che il ristorante è molto frequentato e spesso c’è la fila.

Best fried Cod fillet in town. #ilfilettaro #roma #filettidibaccalà

Un post condiviso da C H E Z D E D E (@chezdede) in data:

Pizzeria Kebab SoleLuna, a Genova
Un altro locale di cibo semplice è la pizzeria SoleLuna di Genova, che si trova in via Felice Gazzolo 9, molto vicino al porticciolo di Nervi. È consigliato anche per lo stile del suo interno, a tema napoletano (alle pareti si vedono facce di Maradona, Totò e altre persone famose originarie di Napoli) e piuttosto kitsch.

Osteria Il Pozzo, a Menaggio
Sempre in nord Italia è l’osteria Il Pozzo di Menaggio, sul lago di Como, in Lombardia. I piatti consigliati sono l’ossobuco e il coniglio; un altro suggerimento è di evitare i contorni di verdure e provare invece la polenta “taragna”, cioè condita con formaggio e burro, nello stile della vicina Valtellina.

L’Antica Pizzeria da Michele, a Napoli
Come pizzeria napoletana a Napoli tra i lettori del Guardian vince l’Antica Pizzeria da Michele, che si trova in via Cesare Sersale 1, poco lontano dall’Università Federico II. Serve solo pizze margherita e pizze marinare (entrambe a 4 euro) ed è molto famosa tra gli stranieri perché compare in una scena del film Eat Pray Love con Julia Roberts.

Trattoria Da Simonetta, a Roma
Il terzo ristorante di Roma consigliato dai lettori del Guardian è la trattoria Da Simonetta, che si trova in via Pontremoli 30, vicino alla basilica di San Giovanni in Laterano. È molto apprezzata dai romani sia per la pizza che per i piatti di pasta, che sono particolarmente economici.

Un post condiviso da Luca Parenti (@kukino) in data:

La Grotta Trattoria, a La Sassa
L’ultimo ristorante consigliato è la trattoria La Grotta di La Sassa, una frazione di Montecatini Val di Cecina che si trova in provincia di Pisa. Non c’è un menù: servono un antipasto, tre diversi tipi di pasta a seconda del giorno (almeno uno è condito con carne di cinghiale secondo la recensione del lettore del Guardian che l’ha scelto) e un piatto a base di cinghiale o piccione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.