• Mondo
  • lunedì 17 aprile 2017

Un uomo ha pubblicato su Facebook il video di un omicidio

E in un secondo filmato ha detto di aver ucciso altre 12 persone: la polizia di Cleveland lo sta cercando da ieri

(Cleveland Police via AP)

La polizia di Cleveland, negli Stati Uniti, sta cercando un uomo che ha postato su Facebook un video che lo mostra mentre uccide un’altra persona. Il sospetto si chiama Steve Stephens ed è ricercato da domenica, quando ha postato su internet un video in cui veniva ripreso l’omicidio di Robert Godwin, 74 anni. Secondo la polizia, Stephens ha ucciso Godwin senza una particolare ragione e ha definito l’omicidio “privo di senso”. In un altro video, pubblicato sempre domenica, Stephens dice di aver ucciso un’altra dozzina di persone, ma la polizia dice di non avere conferme di questa cosa. La polizia crede che Stephens sia armato e pericoloso.

In un primo momento la polizia aveva detto che il video dell’omicidio era stato trasmesso tramite Facebook Live, un servizio che permette di diffondere video in diretta su Facebook. In un secondo momento Facebook ha smentito la circostanza, dicendo che l’omicidio è stato mostrato in un video registrato e che Stephens è apparso su Facebook Live in un’altra circostanza. Il video dell’omicidio è rimasto online per circa tre ore prima di essere rimosso.

Non è la prima volta che omicidi o scene di estrema violenza vengono postati su Facebook. Lo scorso giugno, un uomo è stato ucciso mentre trasmetteva un video live da una strada di Chicago. A luglio, una donna ha trasmesso un video girato dopo che il suo fidanzato era stato ferito da un poliziotto durante un controllo. A gennaio, quattro persone sono apparse in un video trasmesso tramite Facebook Live mentre picchiavano un ragazzo disabile di 18 anni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.