• Moda
  • mercoledì 29 marzo 2017

Cent’anni di tatuaggi in un video

Dalle ali d'aquila sul petto degli anni Venti ai disegni piccoli dietro l'orecchio o dentro la bocca di oggi

I tatuaggi – come il modo in cui ci pettiniamo, i nostri standard di bellezza o i vestiti da sposa – sono una moda che cambia nel tempo, come mostra questo video realizzato da Allure, sito e rivista di trucchi e consigli di bellezza. Negli Stati Uniti degli anni Venti ci si tatuava su tutto il corpo con disegni ispirati a quelli dei Nativi Americani, come le ali d’aquila su tutto il petto, mentre negli anni Trenta le donne si tatuavano le sopracciglia per comodità e non perdere tempo con il trucco. Negli anni Quaranta si facevano imprimere disegni temporanei per mostrare sostegno ai soldati, mentre tutti ricorderemo i motivi tribali nella parte bassa della schiena e i disegnini sul fianco che spuntavano dai jeans bassi negli anni Novanta. Ora invece vanno di moda tatuaggi piccoli su parti del corpo non immediatamente visibili, come sulle dita, dietro l’orecchio o nell’interno della bocca.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.