(ANSA / MATTEO BAZZI)
  • Italia
  • mercoledì 22 marzo 2017

Il governo ha fatto un pasticcio coi voucher

Nonostante la loro abolizione si possono usare fino a dicembre, ma di fatto non ci sono più leggi che ne regolino l'utilizzo e ne prevengano gli abusi

(ANSA / MATTEO BAZZI)

L’abolizione dei voucher, i buoni lavoro utilizzati per pagare lavori saltuari, ha lasciato un vuoto normativo che per i prossimi nove mesi rischia di rendere difficile non solo utilizzare i voucher acquistati prima della loro abolizione, ma potrebbe anche rendere di fatto legali situazioni che la precedente normativa considerava di abuso. Il presidente della Fondazione studi consulenti del lavoro, Rosario De Luca, ha detto oggi al TG3 che chi nei prossimi mesi dovesse usare i voucher in maniera irregolare: «Secondo diritto non rischia alcuna sanzione». I voucher sono stati aboliti venerdì scorso con un decreto legge approvato dal consiglio dei Ministri. Nel decreto viene specificato che i voucher acquistati prima del 17 marzo potranno continuare ad essere utilizzati fino al prossimo 31 dicembre, ma non viene detto in base a quali leggi.

Il testo del decreto legge ha creato quindi uno strano paradosso: la legge che regola i voucher, comprese le sanzioni per un loro utilizzo scorretto, è stata abolita, e quindi di fatto non ci sono più regole per il loro utilizzo, comunque previsto dal governo fino alla fine dell’anno. Chiunque venisse sanzionato per un loro uso scorretto, quindi, avrebbe delle buone basi per ricorrere ai tribunali, sostenendo che non ci sono leggi in vigore che sanzionino il loro abuso. Le sanzioni per un uso scorretto dei voucher vanno da quelle pecuniarie alla possibilità che il tribunale imponga l’assunzione del lavoratore pagato con i buoni in maniera irregolare. «Certamente quella nel testo del decreto non è una dizione felice», ha detto al Post Lea Rossi, avvocata del lavoro nello studio Toffoletto De Luca Tamajo e Soci: «Tanto è vero che il Ministero ha cercato di chiarire la sua posizione».

Lunedì, il ministero ha pubblicato un comunicato stampa sul suo sito in cui precisa che «l’utilizzo dei buoni per prestazioni di lavoro accessorio, nel periodo transitorio sopra ricordato, dovrà essere effettuato nel rispetto delle disposizioni in materia di lavoro accessorio previste nelle norme oggetto di abrogazione da parte del decreto». Secondo alcuni ispettori del lavoro interpellati dal Post è tuttavia difficile che un comunicato stampa possa essere considerato con valenza di legge, quindi il problema non sarebbe ancora stato risolto.

Il problema sembra essere nato dal tentativo di conciliare due esigenze differenti. Da un lato, il governo ha abolito immediatamente i voucher in modo da essere certo di eliminare il referendum per la loro abolizione chiesto dalla CGIL. Il governo e la maggioranza che lo sostiene correvano il rischio di subire una sconfitta politica e quindi hanno deciso di abolire i voucher in modo da prevenire il referendum (nei prossimi mesi sarà comunque messo a punto uno strumento per sostituirli). L’abolizione però non poteva avvenire in maniera immediata senza il rischio di mettere in seria difficoltà le decine di migliaia di famiglie e società che utilizzano regolarmente i voucher per le loro attività. Il governo, quindi, ha deciso di abolire la legge subito, ma prolungando l’utilizzo dei voucher fino alla fine dell’anno. Il testo del decreto infatti recita al primo articolo:

1. Gli articoli 48, 49 a 50 del decreto legislativo 15 giugno 2015,
n. 81, sono abrogati.

2. I buoni per prestazioni di lavoro accessorio richiesti alla data
di entrata in vigore del presente decreto possono essere utilizzati
fino al 31 dicembre 2017.

Secondo diversi esperti di diritto del lavoro interpellati dal Post, il governo ha agito con fretta, scrivendo il decreto in maniera approssimativa. «L’intervento abrogativo appare frettoloso e poco accurato e difficilmente un chiarimento ministeriale che non ha forza di legge potrà, ad esempio, rendere applicabili le sanzioni amministrative previste in caso di violazione degli obblighi procedurali previsti dalla normativa sui voucher», ha detto al Post l’avvocato Luca de Vecchi, dello studio Baker McKenzie di Milano. «Probabilmente sarebbe bastato integrare il testo con una frase come “alle condizioni e nei limiti delle norme previgenti”», ha spiegato al Post l’avvocata Rossi. Nel corso di un’interrogazione alla Camera che si è svolta oggi pomeriggio, il ministro Poletti ha detto che il comunicato del governo chiarisce la questione e che quindi non c’è bisogno di ulteriori interventi. Molto probabilmente, però, la legge sarà modificata dal Parlamento in fase di conversione del decreto in legge nel corso delle prossime settimane.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.