(WILLIAM WEST/AFP/Getty Images)

C’è solo un modo per salvare le barriere coralline

Ed è il più complicato di tutti, dice una nuova ricerca condotta sulla Grande Barriera Corallina: invertire il riscaldamento globale

(WILLIAM WEST/AFP/Getty Images)

Fermare e invertire il riscaldamento globale è l’unica speranza per salvare e conservare ciò che resta delle barriere coralline in giro per il mondo, le grandi formazioni nei mari e negli oceani che costituiscono ecosistemi essenziali per la vita di migliaia di specie marine. Questa conclusione poco incoraggiante – considerato l’andamento del clima negli ultimi decenni con un rilevante aumento della temperatura globale – è alla base di una nuova ricerca guidata da Terry Hughes della James Cook University di Townsville (Australia). Lo studio ha preso in considerazione i dati raccolti nel 2016 sul cosiddetto fenomeno dello “sbiancamentto dei coralli” nella Grande Barriera Corallina (GBC), confrontandoli con precedenti rilevazioni su episodi di sbiancamento registrati nel 1998 e nel 2002, che interessarono rispettivamente il 43 e il 56 per cento della barriera.

La Grande Barriera Corallina è la barriera di corallo più grande al mondo, composta da circa 2.900 barriere più piccole e 900 isole, con un’estensione di 2.300 chilometri al largo del Queensland, in Australia. I ricercatori si sono concentrati sulla GBC perché – considerata la sua grandezza – consente di realizzare analisi ed elaborare modelli piuttosto accurati sul modo in cui i coralli stanno reagendo al cambiamento climatico.

Lo sbiancamento si verifica quando – in presenza di acqua più calda del solito – i coralli espellono le zooxantelle, minuscole alghe che vivono con loro in simbiosi. Queste alghe utilizzano la fotosintesi per produrre nutrienti che sono poi in parte utilizzati dai coralli per nutrirsi. In assenza delle zooxantelle, che sono molto colorate, i coralli perdono la loro classica colorazione e diventano bianchi. Se lo sbalzo di temperatura si risolve in qualche settimana, le alghe riescono a tornare e a popolare nuovamente la superficie dei coralli. A causa dell’aumento della temperatura degli oceani dovuto al riscaldamento globale, in alcune aree lo sbalzo non viene compensato e i coralli, privi di alghe e di possibilità di nutrirsi, muoiono.

An undated photo shows a damaged reef on

Secondo precedenti ricerche lo sbiancamento del 2016 è stato il peggiore di sempre per la GBC: ha interessato quasi l’85 per cento dei suoi coralli. I danni più consistenti si sono concentrati nelle aree a nord, con grande sorpresa dei ricercatori: quella zona è più lontana dalla costa e quindi dagli ulteriori effetti dovuti all’attività dell’uomo (pesca e inquinamento), quindi ci si aspettava che fosse meno esposta e più resistente allo sbiancamento.

La nuova ricerca, pubblicata sulla rivista scientifica Nature, ha messo a confronto i tre episodi più recenti e consistenti di sbiancamento, con l’intento di mettere a confronto pezzi di GBC che ne hanno subito gli effetti per più volte. Uno dei risultati più inattesi ha smontato una teoria condivisa da tempo dagli esperti: acque molto pulite aiutano i coralli a essere più in salute, compensando lo stress dovuto alle temperature più alte dell’acqua che conducono poi allo sbiancamento. I ricercatori scrivono che nonostante la maggiore pulizia dell’acqua – soprattutto nelle aree settentrionali della GBC – lo sbiancamento si è verificato ugualmente.

Great Barrier Reef Threatened With Extinction "Within 20 Years"

Lo studio sta facendo molto discutere anche perché la GBC è sicuramente l’insieme di barriere coralline al mondo a essere più monitorato, analizzato e curato. Il sospetto è che in altre parti del mondo, dove non c’è lo stesso livello di controllo, ci possano essere problemi di conservazione dei coralli molto più seri. Inoltre, moltissime specie di pesci e altri animali marini dipendono dalle barriere: più sono in difficoltà, più si riduce la vitalità di interi ecosistemi.

Hughes e colleghi concludono la loro ricerca scrivendo che un “contrasto rapido e fatto con urgenza” contro il riscaldamento globale sarebbe l’unica soluzione davvero incisiva per preservare la GBC e più in generale i coralli. I ricercatori suggeriscono anche soluzioni complementari che potrebbero per lo meno rallentare lo sbiancamento: migliorare la qualità dell’acqua e regolamentare più severamente la pesca nei pressi dei coralli. Il problema di base resta comunque il cambiamento climatico: “Non possiamo rendere le barriere a prova di riscaldamento globale” ha spiegato Hughes.

La ricerca condotta in Australia si aggiunge alle preoccupazioni delle ultime settimane dovute a una seconda fase di sbiancamento di porzioni della GBC: il primo caso in cui accade in due anni consecutivi. Le ricognizioni per valutare l’estensione del fenomeno sono ancora in corso e, almeno per ora, sembra sia meno diffuso rispetto a quello dell’anno precedente.