(ANSA/STEFANO PORTA)
  • Sport
  • martedì 28 Febbraio 2017

Zamparini lascia il Palermo

Dopo 15 anni il presidente che ha fatto ottenere alla squadra i migliori risultati della sua storia e portato in Serie A grandi talenti vende tutto a un gruppo anglo-americano

(ANSA/STEFANO PORTA)

L’imprenditore friulano Maurizio Zamparini ha annunciato di essersi dimesso da presidente del Palermo Calcio, carica che rivestiva dal 2002. Zamparini ha spiegato che il nuovo presidente della squadra, che gioca in Serie A ma che quest’anno molto probabilmente retrocederà, sarà nominato entro quindici giorni, ed è «membro e rappresentante di un fondo anglo-americano». Il nuovo presidente, ha spiegato sempre Zamparini, si è «contrattualmente impegnato» a fare investimenti nella squadra, compresi quelli per lo stadio e il centro sportivo a Palermo. «Obiettivo degli investitori sarà riportare il club nella posizione che la città merita, quella europea, con un programma di 3-5 anni».

Zamparini ha detto che per ora non farà il nome dell’imprenditore americano, ma ha assicurato che non rimarrà come presidente onorario: aiuterà il suo successore nei primi mesi, soltanto «per mostrargli come si gestisce la situazione». Erano diverse settimane che si ipotizzavano le dimissioni di Zamparini, e non è la prima volta che l’imprenditore ha avviato trattative per la cessione: nel 2012 ci fu un caso che coinvolse alcuni misteriosi imprenditori arabi, che apparvero anche in una famosa conferenza stampa per poi sparire. Negli ultimi mesi invece si era parlato di un gruppo di investitori cinesi. Questa volta Zamparini ha detto che la trattativa sarà conclusa in settimana, e che lui manterrà delle quote pari al 25-30 per cento della società fino a giugno. Da anni Zamparini vuole costruire uno stadio a Palermo, e si parla di un progetto almeno dal 2009, senza però grandi progressi.

Zamparini era presidente del Palermo dal 2002, quando comprò la società dall’imprenditore Franco Sensi, già storico proprietario della Roma. Allora il Palermo era in Serie B, e subito prima aveva passato molti anni in serie C. Sotto la dirigenza di Zamparini, la squadra venne promossa in Serie A nel giro di una sola stagione. Iniziarono tre anni molto fortunati, probabilmente i migliori nella storia della società: la squadra arrivò sesta alla prima stagione in Serie A e quinta nei due anni successivi. In quel Palermo giocavano diversi calciatori campioni del mondo ai Mondiali del 2006: Fabio Grosso, Andrea Barzagli, Simone Barone e Cristian Zaccardo. Negli anni successivi Zamparini fece alcuni degli acquisti che hanno reso famosa la sua presidenza: fece arrivare a Palermo Edinson Cavani, Javier Pastore e Salvatore Sirigu, tutti poi venduti tra il 2010 e il 2011 al Paris Saint Germain (il primo è al momento uno dei centravanti più forti al mondo). Oltre a quelli già citati, dal Palermo sono passati alcuni dei giocatori più talentuosi della Serie A degli ultimi anni, come Kamil Glik, Matteo Darmian, Franco Vazquez, Josip Ilicic, Paulo Dybala e Andrea Belotti.

Il Palermo di Zamparini giocò anche la Coppa Uefa, arrivando una volta agli ottavi di finale, e a partire dal 2010-2011 anche l’Europa League. Poi arrivarono una serie di annate meno entusiasmanti e la squadra retrocedette in Serie B per la stagione 2013-2014, arrivando prima la stagione successiva e tornando in Serie A. Da allora il Palermo ha fatto una buona stagione, arrivando 11esimo, e due mediocri: quella scorsa, conclusa al 16esimo posto, e quella attuale, in cui è terzultima a sette punti dall’Empoli. Un’altra cosa per cui è diventato famoso Zamparini sono gli esoneri degli allenatori: solo dal novembre del 2015, cioè nell’ultimo anno e quattro mesi, ne ha cambiati dieci (alcuni richiamati dopo essere stati esonerati).