( AHMAD AL-RUBAYE/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • lunedì 20 febbraio 2017

La battaglia di Mosul è entrata in una nuova fase

L'esercito dell'Iraq ha iniziato a muoversi per conquistare la parte ovest della città, ma è accusato di torture e abusi sui miliziani dell'ISIS

( AHMAD AL-RUBAYE/AFP/Getty Images)

Domenica 19 febbraio l’esercito dell’Iraq ha annunciato di aver ripreso la campagna per liberare la città di Mosul dal controllo dello Stato Islamico. L’offensiva militare per liberare la città – che è di fatto la capitale dello Stato Islamico in Iraq – è iniziata a ottobre, e per il momento ha portato alla liberazione dei quartieri a est del fiume Tigri, che divide in due la città. La campagna era in stallo da diverse settimane, cioè da quando i miliziani dello Stato Islamico erano riusciti a colpire gravemente le forze irachene con autobombe, attentati suicidi e attacchi tipici della guerriglia urbana. Ieri, nei primi attacchi della nuova campagna, le forze militari irachene hanno liberato alcuni quartieri nella periferia sud-ovest e sono arrivati a pochi chilometri dall’aeroporto principale di Mosul (nella mappa qui sotto, indicato da un pallino blu vicino a una zona striata di rosso). Come previsto da tempo, però, ci vorrà ancora almeno qualche mese per espellere i miliziani dello Stato Islamico dalla città.

Nel frattempo sono arrivati online alcuni video che mostrano abusi e torture su miliziani dello Stato Islamico da parte di alcuni membri delle forze irachene. I soldati mostrati nei video mostrano toppe e distintivi che sembrano appartenere a vari gruppi armati che compongono le forze irachene. Uno di questi è l’organizzazione di milizie sciite Hashd al Shaabi, più nota come il nome inglese “Popular Mobilization Units” (PMU), composta da circa una quarantina di unità.

Sulla carta queste milizie sono sotto il controllo del governo iracheno, ma di fatto i gruppi più potenti rispondono all’Iran e già in passato sono stati accusati di avere commesso gravi violenze settarie contro i sunniti. Cose del genere rendono bene l’idea di quanto sarà complicato gestire le rivalità settarie una volta che la battaglia per liberare la città sarà finita e le numerose ed eterogenee forze in campo dovranno decidere come governarla.

mosul frusta Uno screenshot di uno di questi video, pubblicato dal Guardian: mostra un soldato iracheno con in mano una specie di frusta.

La nuova campagna militare è stata avviata da forze che rispondono più direttamente al governo: l’attacco è stato annunciato sulla tv di stato irachena dal primo ministro Haider al Abadi e secondo Reuters al momento è guidato dalla polizia federale irachena e da un’unità speciale del ministero degli Interni. Ci sono inoltre delle ragioni precise per le quali è iniziato da sud e non dal “nuovo” fronte che passa per il centro della città: per prima cosa, nelle scorse settimane i cinque ponti principali che collegano la zona orientale e quella occidentale della città sono stati danneggiati e resi inutilizzabili dallo Stato Islamico, come mostrato da alcune immagini satellitari.

Ci sono poi altri motivi di natura militare: l’aeroporto – anch’esso reso inutilizzabile dallo Stato Islamico – è situato nei pressi di una collina chiamata Abu Salif, che le forze irachene intendono conquistare per evitare che lo Stato Islamico la usi come base per i propri cecchini, già molto impiegati nella campagna per difendere Mosul.

Occupare la zona dell’aeroporto e gli altri quartieri a sud-ovest della città sarà probabilmente la parte più semplice della nuova campagna, come fa intendere il Wall Street Journal: «i quartieri occidentali del centro storico di Mosul, con il loro dedalo di stradine, saranno probabilmente il luogo di scontri di guerriglia. Questo tipo di combattimento può essere particolarmente svantaggioso per l’esercito iracheno, peggio equipaggiato e addestrato rispetto alle forze speciali». E dato che quartieri del genere sono più densamente popolati delle periferie, l’esercito americano avrà molte più difficoltà a condurre bombardamenti aerei di supporto alle forze irachene come avvenuto finora, dato che intende ridurre al minimo le morti fra i civili.

Al momento si stima che a Mosul rimangano circa 650mila civili, spesso in condizioni di vita molto precarie, insieme ad alcune migliaia di miliziani dello Stato Islamico (all’inizio della campagna erano seimila, e le forze irachene stimano di averne uccisi un migliaio). Le forze alleate contro lo Stato Islamico possono comunque contare su circa 100mila uomini, compresi quelli delle milizie sciite e curde: di conseguenza, il problema non è tanto se la campagna avrà successo – per mantenere il controllo della città lo Stato Islamico dovrebbe ottenere una serie di vittorie sorprendenti, oppure difendersi talmente bene da scoraggiare e rallentare gli attacchi delle forze alleate – ma quanti danni la battaglia causerà alla città, quanti saranno i morti civili e se le forze alleate riusciranno a gestire i gruppi settari sia civili sia militari.

Per via delle molte difficoltà della nuova campagna, è probabile che come ipotizzato da qualche tempo la campagna per liberare definitivamente Mosul durerà ancora qualche mese: a inizio febbraio Stephen Townsend, il responsabile delle operazioni militari dell’esercito americano in Iraq, aveva stimato che lo Stato Islamico sarebbe stato espulso dalla città nel giro di sei mesi.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.