• postit
  • giovedì 16 febbraio 2017

Tiziano Renzi, padre di Matteo, è indagato per il reato di traffico di influenze

Tiziano Renzi nel 2014 (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

Tiziano Renzi – padre dell’ex presidente del Consiglio e attuale segretario del PD Matteo Renzi – è indagato dalla procura di Roma per il reato di traffico di influenze. L’iscrizione di Tiziano Renzi nel registro degli indagati fa parte dell’inchiesta della procura di Roma sulla CONSIP, la società pubblica che si occupa di centralizzare gli acquisti della pubblica amministrazione. Il traffico di influence è reato da pochi anni ed è, in poche parole, il reato che si verifica quando qualcuno sfrutta il rapporto di amicizia o parentela con un pubblico ufficiale o qualcuno con un’importante carica per ottenere vantaggi economici o di altro tipo. Carlo Bonini ha scritto su Repubblica:

La figura di Tiziano Renzi era diventata oggetto dell’attenzione investigativa per i suoi legami di antica amicizia con Carlo Russo, imprenditore toscano del settore farmaceutico, legato a sua volta a uno dei personaggi chiave dell’inchiesta napoletana: l’imprenditore Alfredo Romeo.

Nell’inchiesta Consip a fine dicembre erano stati indagati anche il ministro dello Sport, Luca Lotti, il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette e il comandante della Legione Toscana dei carabinieri, il generale Emanuele Saltalamacchia. Nei loro confronti la Procura contesta i reati di rivelazione del segreto d’ufficio e favoreggiamento, in quanto sarebbero andati a rivelare l’esistenza di indagini ai vertici Consip.

Sempre Repubblica riporta una dichiarazione di Tiziano Renzi: «Ho ricevuto questa mattina un avviso di garanzia dalla procura di Roma in cui si ipotizza ‘il traffico di influenza’. Ammetto la mia ignoranza ma prima di stamattina neanche conoscevo l’esistenza di questo reato che comunque non ho commesso essendo la mia condotta assolutamente trasparente come i magistrati – cui va tutto il mio rispetto – potranno verificare».

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.