L'esibizione di Beyoncé ai Grammy, allo Staples Center di Los Angeles, 12 febbraio 2017 (Kevork Djansezian/Getty Images)

Le foto più belle dei Grammy

Adele commossa, Beyoncé incinta, i Daft Punk con The Weeknd e Lady Gaga scatenata, ai più importanti premi musicali statunitensi

L'esibizione di Beyoncé ai Grammy, allo Staples Center di Los Angeles, 12 febbraio 2017 (Kevork Djansezian/Getty Images)

Alla 59esima edizione dei Grammy – i più famosi premi musicali americani, consegnati domenica 12 febbraio allo Staples Center di Los Angeles – c’erano un po’ tutti i musicisti, performers e cantanti statunitensi del momento, sul palco o tra il pubblico. C’era ovviamente Adele, che ha vinto il premio più importante, quello per il disco dell’anno con 25, e gli altri quattro Grammy a cui era candidata: si è commossa nel riceverli – dicendo che il Grammy per il disco dell’anno lo meritava Beyoncé – così come nell’esibirsi in un tributo a George Michael, morto nel giorno di Natale dell’anno scorso. La performance di maggior effetto è stata quella di Beyoncé, che ha vinto due premi sui nove per cui era candidata: incinta di due gemelli è salita sul palco con una corona e un vestito trasparente e dorato, incarnando una sorta di Madre Natura contemporanea, circondata da ballerine che si inchinavano al suo passaggio. Sui social network in molti hanno definito l’esibizione favolosa, altri hanno commentato che “ha saltato lo squalo“, come si dice.

Le altre esibizioni molto apprezzate dal pubblico sono state quelle di Lady Gaga coi Metallica, di The Weeknd con i Daft Punk e di Katy Perry; per il resto c’erano Jennifer Lopez, Rihanna, John Travolta, Celine Dion, Alicia Keys, Bruno Mars e altri ancora.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.